• Basket Rosa-PINKISBETTER

ALICE POL SI RACCONTA A BASKET ROSA.


"La pallacanestro mi ha insegnato dei valori importanti: l'impegno, il sacrificio e la dedizione". Parte da questa frase Alice Pol per parlarci di lei e del suo immenso amore per la palla a spicchi. "Sono un'ala nata nel 1994", le sue parole, "e la mia passione per il basket è nata poco dopo, al mio primo allenamento avevo solo 4 anni: ricordo che da piccolina andavo sempre a vedere gli allenamenti e le partite di mio fratello più grande e volevo già entrare in campo a tutti i costi. Da subito ho capito che questo meraviglioso sport avrebbe fatto sempre parte della mia vita, crescendo questa convinzione si faceva sempre più forte e ho potuto fare delle esperienze fantastiche che mi hanno aiutata molto a maturare, sia cestisticamente che come persona. L' emozione nel vincere una partita o semplicemente nel fare un canestro per me è indescrivibile, è un qualcosa di fantastico che si condivide con le proprie compagne di squadra; ma anche le sconfitte e le delusioni mi sono servite molto per lavorare sui miei limiti e per imparare a reagire in modo positivo". "I miei pregi come giocatrice", incalza Alice, "credo che siano stati la determinazione ed il fatto di non mollare mai, credevo molto in quello che facevo e ci tenevo a farlo sapere in campo. A volte - però - ero una testa calda, ma questo anche perchè la pallacanestro è sempre stata per me un motivo di sfogo". Ma ripercorriamo la carriera giocata di questa ragazza dalle qualità tecniche ed umane eccelse: "Ho fatto tutte le giovanili a Pordenone nel Sistema Rosa, in questi anni ho provato l'emozione di andare a numerose finali nazionali. In particolare mi ha segnata molto quella che si è svolta in Sardegna, avevo 14 anni e ho provato l'emozione di arrivare in finale.... poi siamo arrivate seconde ma è stato tutto fantastico. Nessuno si aspettava un risultato del genere ed il percorso per arrivare fino a lì ha segnato tutte noi. Terminate le superiori ho iniziato a fare qualche esperienza fuori casa: prima un anno a Udine, poi un anno a Riva del Garda ed infine a San Giovanni Valdarno per 2 stagioni molto sfortunate. Una serie di gravi infortuni allo stesso ginocchio - infatti - mi ha portata, con grande rancore, ad appendere le scarpe al chiodo molto prima di quanto pensassi". Ma la passione di Alice Pol per questo sport non poteva certo finire lì: "Tre anni fa ho contattato il Responsabile del CUS Verona Pallacanestro Alberto Zanetti, città in cui mi sono trasferita per motivi di studio, chiedendo se potevo dare in qualche modo una mano e continuare comunque a calpestare il parquet. Ho iniziato come Istruttrice di una squadra minibasket e come Vice Allenatrice delle giovanili.... poi, negli anni successivi, mi sono presa qualche responsabilità in più ed ho iniziato a capire dove concentrare le mie energie. Ad oggi, quindi, alleno i seguenti gruppi al CUS Verona Pallacanestro: U13 femminile, U14 femminile, U16 femminile, un gruppo minibasket e sono Vice Allenatrice della Promozione femminile; inoltre faccio parte dello staff come Aiuto Allenatrice nella selezione provinciale Veneto, annata 2007". La sua grandezza non viene mai meno: "Personalmente cerco di trasmettere alle ragazze la mia passione, perchè sono convinta che se c'è quella allora non mancano la motivazione, la voglia di impegnarsi e soprattutto il divertimento. Mi diverto molto ad allenare le ragazze delle giovanili perchè mi rivedo molto in loro quando ero una ragazzina e le emozioni nel vederle giocare sono proprio le stesse che provavo quando giocavo io. È una cosa che dico spesso anche a loro: non avrei mai pensato, ma allenare mi sta dando grandi soddisfazioni e sono molto contenta del percorso e delle esperienze che sto facendo". Al di fuori del parquet? "Oltre ad allenare, studio: quest'anno sono al secondo anno della Magistrale in Scienze Motorie Preventive ed Adattate. Spero di concludere a breve la mia tesi che ha come argomento lo sviluppo nei giovani atleti di alcune capacità motorie come la mobilità, la coordinazione, l'equilibrio e l'agilità attraverso l'utilizzo degli Animal Movements (esercizi che riprendono i movimenti degli animali). Questo è un progetto a cui tengo molto perchè è nato dalla collaborazione tra Scienze Motorie Verona e CUS Verona Pallacanestro, società in cui alleno. Un'altra mia passione è la musica, nata quando ho dovuto smettere di giocare (è diventata il mio nuovo motivo di sfogo). Sto imparando da autodidatta a suonare la chitarra acustica e l'ukulele.... ma amando la musica Rock, una volta terminato il mio percorso di studi, vorrei iscrivermi ad un corso di chitarra elettrica". Enrico Ferranti.

0 visualizzazioni

BasketRosa© 2023 Contact Us

This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now