• Basket Rosa-PINKISBETTER

Assemblee di Lega A1 e A2 emerge unità di intenti . . .o non proprio

Lo scorso fine settimana si sono svolte, in modalità telematica, le assemblee di Lega Basket Femminile serie A1 e A2. In entrambi i comunicati stampa si legge " Il Presidente Massimo Protani ha informato le Società del costante lavoro che sta svolgendo con il Consiglio Direttivo della Lega Basket Femminile per tutelare nel miglior modo possibile tutte le associate, che a loro volta hanno riconosciuto proprio il duro lavoro svolto finora e ringraziato per questo la LBF, ribadendo massima collaborazione e disponibilità.

Continua inoltre il fondamentale lavoro della Lega Basket Femminile con il Comitato 4.0, in cui il Presidente Protani insieme agli altri Presidenti delle maggiori leghe sportive italiane, sta portando all'attenzione del Governo tante importanti misure a tutela dello sport italiano." In entrambe larga partecipazione, unità di intenti e voglia di ripartire in sicurezza.

Durante il lockdown si leggeva un pò ovunque, da parte degli addetti ai lavori e persone coinvolte in prima persona, delle difficoltà che ci sarebbero state a carico delle società post covid-19, la necessità di ripensare le formule rendendole il più flessibili possibile in vista delle previsioni che in autunno, oltre ai già noti problemi a reperire sponsor potrebbe ripresentarsi il virus e le inevitabili conseguenze. Ad oggi, fuori dal lockdown ma ancora con misure restrittive e cautelari in atto dato che il virus si è attenuato ma non estinto, nulla di tutto ciò si è verificato, anzi, pare si voglia ripartire con le classiche formule come nulla fosse successo, restiamo perplessi ma tant'è e cosi andiamo con ordine.

Venerdi si è svolta l'assemblea dei club di A1 alla presenza di tutte le società che dovrebbe ripartire nel primo week-end di Ottobre, con un turno infrasettimanale al mese, ma senza l'opening day e a 16 squadre, nonostante Verga Palermo stia correndo contro il tempo per trovare sponsor ma uno spiraglio per potersi iscrivere alla massima serie pare ci sia, come riportato nell'intervista al Giornale di Sicilia della vicepresidente Chines "Un primo step fondamentale, di 80 mila euro, ci consentirebbe di iscriverci alla A1".

Le 16 squadre fatto salvo defezioni o modifiche dunque dovrebbero essere:

Dinamo Sassari;

Famila Wuber Schio;

Fila San Martino Lupari;

Geas Allianz Basket;

Gesam Gas&Luce Lucca;

Iren Fixi Torino;

La Molisana Campobasso;

Limonta Sport Costa Masnaga;

Meccanica Nova Vigarano;

O.ME.P.S BricUp Battipaglia;

Broni;

Passalacqua Trasporti Ragusa;

Verga Palermo;

Umana Reyer Venezia;

Use Rosa Empoli;

Virtus Segafredo Bologna.


Sabato invece è stata la volta delle affiliate di A2 dove si va verso la conferma di due gironi da 14 squadre con 28 club al via. La proposta di composizione dei gironi però sembra non essere stata proprio condivisa e digerita, quanto meno dal presidente della Pallacanestro Bolzano ( nei giorni scorsi abbiamo pubblicato QUI) dove, con la proposta di inserimento nel girone sud (assieme a Brixia Basket Brescia, che ha rilevato il titolo di Viterbo) richiama "alla logica e ragionevolezza" asserendo che una simile decisione per la società da lui presieduta porterebbe "a spese quintuple o sestuple, quantificabili in un aumento di circa 20.000 euro l'anno in più  rispetto al nostro girone naturale, quello nord, senza calcolare la distanza da Hub  aereoportuali  funzionanti per i collegamenti. Ed in epoca Covid l'incremento delle spese è l'esatto opposto di quanto tutti auspicano e richiedono." Si attenderà il Settore Agonistico Federale e la pubblicazione ufficiale dei gironi.

Per quello che ne sappiamo ora, il girone nord rimarrà pressoché immutato. La rinuncia di Marghera che riparte dalla massima serie regionale, ha risolto il problema del numero dispari decretando cosi le 14 ammesse che dovrebbero essere le seguenti, salvo ulteriori variazioni:

Albino;

Alpo;

Bolzano Basket Club;

Carugate;

Castelnuovo Scrivia;

Crema;

Mantova;

Milano;

Moncalieri;

Ponzano;

San Martino di Lupari;

Sarcedo;

Udine;

Vicenza.

Mentre, per il girone sud come anticipato, abbiamo una situazione più delicata a causa delle maggiori rinunce (Athena e High School Lab), il ripescaggio di Campobasso, inoltre le squadre erano già 14, quindi l'organico si è ulteriormente ridotto a dodici. Ed è per questo motivo che al momento pare ci sia posto per Brescia e Bolzano, mentre è ancora da definire la situazione di Ariano Irpino che è alla ricerca di sponsor per coprire la stagione e nel caso di non iscrizione ci sarebbe un ulteriore posto da coprire con una tra Patti, Catania, Roseto che ricordiamo ha una gara in meno nella Classifica finale e Capri. Per il momento dunque, le 14 del girone sud sono le seguenti:

Ariano Irpino;

Brixia Basket Brescia;

Civitanova Marche;

Cus Cagliari;

Faenza;

Firenze;

Livorno;

Nico Basket;

San Giovanni Valdarno;

Selargius;

Sisters Bolzano;

Spezia;

Umbertide;

Virtus Cagliari.

Questi i dati trapelati, in attesa di ufficialità da parte da Fip e Lega per quanto concerne formule, gironi e le date.



0 visualizzazioni

BasketRosa© 2023 Contact Us

This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now