• Basket Rosa-PINKISBETTER

BASKET B FEMM Montecchio-Cestistica Rivana Agl 67-60 (19-16, 38-35, 46-53)

Montecchio-Cestistica Rivana Agl 67-60 (19-16, 38-35, 46-53)

Montecchio Maggiore: Maculan, Zanuso13, Zambon 6, Balbo

Zambon 2, Pizzolato 14, Curti 6, Zampieri 4, Neri 2, Lesca, Storti 20. Coach: Callegato.

Tiri liberi 11/24

Cestistica Rivana: D'Avanzo 2, Ferreyra 7, Piermattei 2, Vicentini, Fadanelli 5, Herrera 8, Ceccardi 18, Bonvecchio 8, Reversi, Chemolli 2, Omezzolli ne, Takrou 8. Coach: Ferraglia.

Tiri liberi 6/10

Arbitri: Scandaletti e Tullio di Padova

MONTECCHIO MAGGIORE - Testacoda per la Cestistica Rivana Agl che con un punteggio a “specchio” (all’andata finì 67-59) ha perso in casa del Montecchio Maggiore. Una sconfitta che brucia perchè per trenta minuti del match le rivane hanno giocato meglio delle avversarie, per poi crollare nell’ultimo quarto (21-7). Non è bastata la prova di cuore e sostanza della ligure Ceccardi (punti e rimbalzi sono una costante per lei) perchè il trio Storti-Pizzolato-Zanuso ha saputo aspettare e segnare canestri pesantissimi (come le due triple nella ripresa) nello sferrare la zampata decisiva. E pensare che la tripla di Takrou (30’ 46-53) aveva fatto pensare ad un ultimo giro d’orologio ben diverso. In men che non si dica le padrone di casa si son fatte sotto fino a pareggiare con la “solita” Storti (35’ 53-53), mettere la freccia con Zanuso e chiudere la pratica con Pizzolato. Con D’Avanzo non ai suoi livelli abituali, ci ha provato la giovane Ferreyra a ricucire gli strappi, buoni tiri e assist precisi, ma il confronto era ormai segnato. Ad un minuto dalla sirena, la sedicenne argentina porta sotto le rivane (63-60), ma Curti non sbaglia (39’ 30’’ 65-60), time out chiamato da coach Ferraglia, rimessa Cestistica e tiro della disperazione dai 6.25 di Piermattei (solo 2 punti per lei), ma il ferro rigetta in campo la tripla così come nei due tentativi successivi, suo e di Reversi, a cavallo dei due liberi messi a segno da Zanuso. Le gardesane avranno modo di rifarsi nelle prossime due partite casalinghe contro la Futurosa Trieste e la penultima della classe Sistema Rosa Pordenone.

Sergio Ferraglia (coach): “Siamo state positive e propositive fino alla fine del 3 quarto, poi si è spenta la luce e non c'è stata reazione. Nell'ultimo quarto abbiamo subito l’energia e voglia di vincere delle nostre avversarie. Rimbalzi in attacco e palloni sporchi erano tutti loro. Purtroppo questa é la situazione e non possiamo fare altro che tornare in palestra e lavorare a testa bassa, oltre ad assumersi, ognuno di noi, le proprie responsabilità. Dobbiamo imparare a non dare nulla per scontato e capire che nessuno ci regala nulla. I punti si sudano, dal primo all’ultimo.

FOTO ALICE CECCARDI ph BIGI


0 visualizzazioni

BasketRosa© 2023 Contact Us

This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now