• Basket Rosa-PINKISBETTER

CAMILLA SERVADIO SI RACCONTA A BASKET ROSA.

ph Daniele Capone

"Il basket è stato praticamente sempre presente nella mia vita e credo che - in parte - abbia influenzato il mio modo di essere. Sono una persona altruista (a volte anche troppo), testarda ed orgogliosa: caratteristiche che porto anche in campo. Non penso di essere una giocatrice di talento, ma la grinta e la voglia di vincere che metto nel parquet ritengo che mi abbiano aiutata in molte occasioni". Camilla Servadio, classe 1989, e la palla a spicchi: un amore sbocciato molto presto per la playmaker delle Baia del Re Panthers Roseto: "Ho iniziato a giocare a Pescara all'età di 4 anni", le sue parole, "dove ho continuato per tutto il tempo delle giovanili per poi andare con l'Ancona Basket dove ho militato per 5 anni. Successivamente sono tornata a Pescara e ho iniziato a frequentare l'Università di Ortottica e continuando a giocare nelle varie squadre di serie B della mia città. In seguito mi sono presa un anno di pausa con la gravidanza del primo figlio; l'anno successivo ho ripreso sempre a Pescara in serie B per poi fermarmi nuovamente (l'anno dopo) per la seconda gravidanza. Quest'anno ho ripreso a giocare con una squadra di serie B a Roseto". Non difetta in doti tecniche ed umane eccelse, Camilla Servadio e la pallacanestro è nel suo DNA: "Molte persone mi chiedono perchè dopo tutti questi anni trascorsi ad avere pomeriggi impegnati con gli allenamenti, fine settimana occupati dalle partite e con tutti i vari acciacchi che sento dopo ogni allenamento, io continui a giocare.... l'unica risposta che trovo a questa domanda è che, nonostante ciò, continuo a divertirmi". "Progetti futuri al momento non ne ho", conclude Camilla, "con 2 figli meglio vivere alla giornata, potrebbero smontare i tuoi piani in un attimo". Enrico Ferranti.  

0 visualizzazioni

BasketRosa© 2023 Contact Us

This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now