• Basket Rosa-PINKISBETTER

GIVOVA LADIES, COACH OTTAVIANO CARICA LE SUE PRIMA DELLA SFIDA CON LA CAPOLISTA

L'allenatore nero-arancio spiega il fondamentale ruolo di ogni ragazza nel gruppo.


Dopo la breve pausa in serie B, dovuta al rinvio della gara contro Battipaglia prevista

per lo scorso weekend, sabato sera la Givova Ladies approderà a Capri per la quinta

giornata di ritorno di campionato in cui affronterà proprio la capolista.

Un percorso che sta proseguendo nel verso giusto. Lo dimostrano le quattro vittorie

consecutive in serie B nelle ultime quattro sfide. Questo è, però, un momento

fondamentale della stagione, e abbiamo chiesto al Coach Nicola Ottaviano di

fotografare l'assetto della squadra e gli obiettivi raggiungibili. Infine una breve

descrizione di ogni ragazza e il ruolo fondamentale nel gruppo.

- Coach, domanda secca: ti aspettavi una stagione così in serie B?

"In parte sì, perché abbiamo mantenuto lo stesso gruppo dell'anno precedente,

evitando gli sbagli fatti in passato dove cambiavamo sempre 7/8 atlete, e quindi ero

sicuro di partire in vantaggio sotto l'aspetto "gruppo". In parte no, perchè non

immaginavo che le nuove arrivate si potessero integrare così bene e rapidamente, e su

questo aspetto va fatto merito sopratutto alle nostre "veterane". Il campionato è molto

equilibrato, per il momento tutte posso vincere contro tutte e tutte perdere contro

tutte. Solo Capri è un gradino su rispetto alle avversarie ma comunque non

imbattibile".

- Oltre alla B, anche in C e in under 18 le cose stanno andando bene. Come reputi le

più giovani?

"La serie C è nata così da un giorno all'altro. Volevamo semplicemente dare più

minuti in campo alle ragazze per far fare esperienza contro giocatrici che hanno

calcato parquet importanti, e devo dire la verità stanno rispondendo abbastanza bene.

Stesso discorso per l'u18, dove volevamo semplicemente dare minutaggio anche alle

più piccole, che s'impegnano al massimo e sopratutto mantengono gli impegni presi,

cosa da non sottovalutare oggi giorno. Abbiamo fatto poche partite al completo,

altrimenti penso che potevamo tranquillamente ambire alle posizioni alte".


- Con la giusta percentuale di scaramanzia, dove può arrivare questa squadra?

"In alto, calcolando che parliamo di un progetto a lungo termine. L'obiettivo ora è

quello di scendere in campo e vincere il più possibile, ma penso che sia giusto dire

così a prescindere. Ci sono ragazze che lavorano e poi vengono la sera a sudare in

campo, chi va all'università, chi sta tanti km lontano da casa. Tutte, chi più chi meno,

fanno sacrifici. Vincere, si sa, spesso è il premio per tutti questi sacrifici. Anche dalle

sconfitte s'impara tantissimo sia chiaro, ma senza prenderci in giro a tutti piace

vincere".

- Si parla spesso di gruppo, di coesione. Ma ogni tassello ha la sua importanza. E

dietro ad ogni ragazza, c'è un percorso, una storia...

"È vero, siamo abituati a parlare di gruppo, di famiglia, e poco o mai del singolo. Ci

vorrebbero non so quante righe per poter spiegare e far capire all'esterno quanti

sacrifici fanno le ragazze.

Partendo dal capitano Iozzino, dal lavoro che fa in campo dove non si risparmia mai,

a quello nello spogliatoio a quello fuori dal parquet. Sempre presente, pronta ad

aiutare e dare consigli alle più "piccole" per qualsiasi cosa. Penso insostituibile.

Dopo 2 anni ho capito di aver fatto un errore, e se volevamo parlare di gruppo o di

famiglia non potevamo far a meno di una persona e atleta come Rosaria Carotenuto,

semplicemente insieme al capitano insostituibili in un contesto come il nostro fatto

anche di tante under.

Marilù Sapienza è maturata tantissimo anche come persona. I primi tempi era sulle

sue, non interagiva più di tanto, ora invece spesso fa sentire la sua voce anche nello

spogliatoio, sta facendo un campionato super. Lei potrebbe tranquillamente giocare in

categorie superiori, è senza ombra di dubbio nel suo ruolo una delle migliori al sud o

centro-sud Italia. Le due Argentine Garcia Leon e Berardi, sono atlete nel vero senso della parola. Vogliono sempre allenarsi, sala pesi, tiro, individuali, non smetterebbero mai. Molte ragazze dovrebbero prendere esempio da loro, spesso fanno km a piedi o prendono il treno da sole pur di andare a fare tiro o pesi. Oggi giorno ci sono persone che non fanno due metri a piedi per nulla, figuriamoci per lanciare un pallone in un canestro. Chapeau.

Sicignano è una via di mezzo fra over, che ci aiuta anche con la gestione della

foresteria e comunicazione con lo staff medico, e under, che ci fa esaurire, ma

comunque una ragazza, anche lei, che in campo non si è mai risparmiata.

Le under che abbiamo scelto appunto ci fanno esaurire è vero ma piano piano hanno

capito ed accettato il loro ruolo, hanno imparato che le cose si devono conquistare col

sudore e i sacrifici. Codispoti, Manna, Stoyanova e Panteva sono cresciute tantissimo

in campo, e soprattutto con l'atteggiamento. Anche se entrano in campo; provano a

dare il massimo e provano a dimostrarmi che possono aiutare la squadra.

Ci dispiace per Mazzullo che nelle prime amichevoli invece ha avuto un brutto

infortunio al ginocchio, ma si è messa subito a lavoro per recuperare. Stando lontana

da casa senza poter giocare si è messa a disposizione della società, spesso aiuta me

con gli allenamenti o le tantissime cose da fare.

Corbani è quella che forse a livello di atteggiamento è migliorata più di tutte in

brevissimo tempo. Ha capito i suoi limiti e ci sta lavorando su giorno dopo giorno

con ottimi risultati.

Dopo qualche mese si è aggiunta Panniello, un pezzetto di puzzle che mancava, in

campo si è messa subito a disposizione, fuori dal campo idem".


Ufficio Stampa Givova Ladies




6 visualizzazioni

BasketRosa© 2023 Contact Us

This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now