• Basket Rosa-PINKISBETTER

La FIBA omaggia due arbitri medici italiani: Silvia Marziali e Guido Giovannetti

Le vite di tante persone sono state cambiate nel mondo a causa della pandemia di COVID-19, specialmente in Italia, un paese in cui sono stati confermati 100.000 casi di coronavirus e oltre 11.000 decessi.

Per due arbitri della FIBA, Silvia Marziali e Guido Giovannetti, la crisi li ha portati fuori dal campo da basket. Entrambi hanno lasciato i fischietti e le divise da arbitri e sono stati chiamati a svolgere la loro professione di medici per aiutare nella lotta contro il coronavirus.


"Ora la situazione è molto dura e cambia ogni giorno", ha dichiarato Giovannetti, un arbitro della FIBA dal 2017. "Il governo chiede sempre più aiuto ai medici. Nel mio caso personale, sto lavorando all'ospedale di Bari e in precedenza ero nel dipartimento di cardiologia, ma ora sono stato trasferito in un altro reparto per i pazienti COVID-19."


"Il vero problema è che non sappiamo quando finirà perché in alcune zone d'Italia, come la Lombardia, Milano, forse la situazione sta già arrivando al culmine, mentre il nostro timore è che al sud la situazione non stia diminuendo e forse le persone che si sono spostate da nord a sud lo abbiano diffuso. Semplicemente non lo sappiamo, ma i numeri suggeriscono che stanno aumentando ".


Marziali vive a Roma, dove ha studiato medicina e ha scritto la sua tesi sulla cardiologia, può essere difficile rintracciarla perché, come medico, può essere in vari luoghi. Silvia Marziali lavora in un ospedale nella sua città natale di Fermo e per i servizi di ambulanza e di emergenza a Roma. Più recentemente ha lavorato per il ministero della salute a Civitavecchia, la città portuale di Roma. È disposta a fare tutto il necessario per combattere la pandemia.

"Quando diventi un medico, fai una promessa", ha detto, "e lo onori ogni volta che lavori e soprattutto quando c'è un'emergenza. Fai un giuramento per aiutare gli altri."

La tensione su ospedali, medici e tutto ciò che riguarda i servizi sanitari è stata enorme in Italia. "Quando è iniziato questo coronavirus, volevo davvero aiutare", ha detto Marziali. "Non importava cosa. Qualunque cosa potessi fare, lo avrei fatto. Non importa se dovevo trasferirmi nel nord Italia, dove è davvero un disastro, una catastrofe. Molti di noi hanno detto sì, ma non posso firmare l'accordo perché sono già nello staff a Roma. Il lavoro è sempre duro e lavoriamo sempre molto facendo lunghi turni", ha detto Marziali. "Ma ora abbiamo più paura, perché possiamo portare il virus in famiglia oltre che ammalarci".


Prima che Marziali e Giovannetti possano tornare ai campi da basket, tuttavia, saranno impegnati in una gara molto più importante. Combatteranno per salvare delle vite umane.



credit foto FIBA.Com


Intervista integrale FIBA

287 visualizzazioni

BasketRosa© 2023 Contact Us

This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now