• Basket Rosa-PINKISBETTER

La Techfind vuole interrompere il digiuno: a Selargius arriva l’High School Lab

Dopo le due sconfitte contro Faenza e San Giovanni Valdarno le giallonere puntano a battere il fanalino di coda del torneo


Terza sfida consecutiva tra le mura amiche del PalaVienna per la Techfind San Salvatore, impegnata contro l’High School Lab nel 9° turno del campionato di Serie A2. Al cospetto del fanalino di coda del torneo le giallonere puntano, ovviamente, a ritrovare quel successo che manca dallo scorso 23 ottobre. Nonostante la sfortuna dell’ultimo periodo, nelle ultime due uscite le selargine hanno comunque offerto delle buone prestazioni: “Ci è mancata solo la vittoria – afferma l’assistant coach Marcello Ibba – non bisogna dimenticare che la nostra è ancora una squadra in costruzione, con tante giovani cui stiamo pian piano affidando responsabilità importanti. Le prove dell’ultimo periodo sono sempre state all’altezza. Faenza e San Giovanni Valdarno si sono dimostrate squadre forti, ma comunque alla nostra portata. Entrambe, però, hanno fatto valere la maggior esperienza nell’affrontare dei finali punto a punto”. Contro le toscane di Altobelli, inoltre, la Techfind è stata frenata da percentuali piuttosto deficitarie: “Abbiamo sbagliato tanti tiri aperti ben costruiti – sottolinea Ibba – a volte basta metterne anche uno solo per girare l’inerzia della partita”. Tra le note più positive all’interno della sconfitta contro la RR Retail Galli c’è stata senz’altro la prova di Julita Bungaite, per la prima volta in doppia cifra con 12 punti a referto: “Julita sta lavorando con grande impegno – spiega – spesso è stata frenata da problemi di falli già dai primissimi minuti delle partite. Molte volte gli arbitri sono molto attenti a certi tipi di contatti nei primi tempi, mentre nei secondi lasciano correre di più”.

L’assenza per infortunio di Arioli ha costretto Mataloni e Pinna ad assumersi totalmente il peso dei compiti di regia: “Dopo la rottura del crociato, Margherita avrebbe dovuto essere pronta per dicembre – aggiunge il vice di coach Restivo – invece con grande spirito di sacrificio si è messa a disposizione della squadra nel momento del bisogno. Rispetto a Cinzia è più una playmaker di regia pura, e quando si tratta di far canestro soffre ancora un po’ la mancanza di forza muscolare nelle gambe. Denise, invece, ha tante qualità, ma deve migliorare nella gestione del ritmo. Non dimentichiamo che è una classe 2001, dunque avrà tutto il tempo per mettere a posto le cose”. Pinna, peraltro, è uno degli elementi di punta della formazione Under 18 guidata proprio da coach Ibba: “La società mira a portare in prima squadra il maggior numero possibile di ragazze provenienti dal vivaio, e anche a questo scopo buona parte dell’Under 18 si allena con le “grandi”. Mi preme sottolineare il lavoro del mio gruppo, che fin qui ha vinto tutte le partite di campionato. Negli ultimi mesi abbiamo operato alcuni cambi a livello organizzativo che stanno iniziando a dare i loro frutti”.

L’High School Lab, avversario di turno, ha perso tutte le 8 gare fin qui disputate. Ibba, però, mette in guardia: “Può sembrare una partita facile, ma non lo è assolutamente. La squadra è formata da alcuni tra i migliori talenti delle annate 2002 e 2003 selezionate su scala nazionale. Contro Faenza hanno accusato un passaggio a vuoto piuttosto netto (-60, 35-95 il finale, ndr), ma in tutte le altre gare si sono mostrate competitive. Dovremo cercare di impostare il ritmo a noi più congeniale”.

Techfind San Salvatore e High School Lab si affronteranno sabato 23 novembre alle 16 al Palasport di via Vienna a Selargius (CA). Gli arbitri designati sono Diego Secchieri di Venezia e Edoardo Ugolini di Forlì. La gara verrà ripresa dalle telecamere di Directa Sport e sarà trasmessa, a partire da lunedì, sul sito www.directasport.it.


scritto da ufficio stampa San Salvatore Selargius



8 visualizzazioni

BasketRosa© 2023 Contact Us

This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now