• Basket Rosa-PINKISBETTER

MAPP TOOLS CARUGATE: ESORDIO CON VITTORIA AL CARDIOPALMA


Battuta San Martino all’overtime. Prestazioni super di Maffenini e Schieppati

C’è voluto un tempo supplementare per avere la meglio di un’agguerrita Lupe San Martino di Lupari. Senza la lunga titolare Tomasovic, e il suo cambio Grassia, Mapptools Blackiron Carugate vince all’esordio davanti al proprio pubblico, portando a casa una sfida durissima con il punteggio di 67-63. Le doppie doppie di Maffenini, 24 punti e 13 rimbalzi, e Schieppati, 16+16, ma anche i 7 assist di Diotti, le due triple, in particolare quella del definitivo sorpasso a 70 secondi dalla fine, di capitan Colombo, il recupero cruciale di Gambarini sempre al supplementare sul -1, l’energia di Canova, la freddezza di Fossati quando è stata chiamata in causa: tutte hanno contribuito con un mattoncino importante, rimediando così al parziale subito dalle avversarie nel quarto quarto che, di fatto, ha riaperto la partita.

Schieppati: “Stavamo per complicarci la vita”

“Tutta una fatica e tutta in salita. Perché farsi recuperare nel quarto quarto e andare all’overtime per forza di cose l’inerzia passa alle avversarie. Ci siamo complichiamo la vita ma era troppo importante partire con una vittoria. Arriviamo da un pre campionato faticoso e sfortunato. L’abbiamo portata a casa giocando di squadra ed è quello che ci voleva” ha dichiarato a fine gara Veronica Schieppati, per lei 34 di valutazione e 7/11 dal campo.

Veronica Schieppati (foto: Simone Mallardo)

Partenza in salita, poi Maffenini suona la carica

Partenza in salita per Carugate: primo parziale 0-6 che diventa poi alla fine del 1Q 4-14 per le avversarie, guidate da Pasa e Toffolo. Nel secondo quarto si sveglia Maffenini: 11 punti, 5 rimbalzi, una stoppata, un assist e tre recuperi solo nella seconda parte del primo tempo. Il sorpasso si completa a 28” dall’intervallo con una bomba dall’angolo di Colombo e si va a riposo sul 25-23 per Mapptools.

Diotti evita l’harakiri

La ripresa si gioca punto a punto. San Martino rimane a galla grazie al tiro da tre punti, in particolare con Amabiglia, che ne segna due di fila regalando a Fanola il primo break con due possessi di vantaggio. Ma Carugate ricuce subito, grazie ai liberi di Fossati e a 6 punti di fila di Maffenini. Il terzo quarto vede ancora le padrone di casa avanti, per di più con il massimo vantaggio: 45-39. Come accennato però, l’ultimo quarto, per Carugate, è quasi un suicidio. Avanti di 8 a 6′ dalla fine subisce un durissimo parziale 0-9 che porta San Martino avanti di 3. C’è bisogno di una prodezza di Diotti, a 18” dalla sirena: canestro più fallo, poi trasformato con freddezza dalla lunetta.

La bomba del capitano

Si va ai supplementari sul 57 pari ed è un continuo sorpasso e controsorpasso tra le due squadre. Il break arriva con il recupero di Gambarini a 2′ dalla fine sul -1, che lei stessa trasforma in un jump shot vincente. Beraldo azzecca l’ennesimo controsorpasso, vanificato però dalla bomba di Colombo per il 65-63 delle lombarde, poi messo al sicuro dai due liberi di una Schieppati monumentale.

Giulia Maffenini (foto: Simone Mallardo)

24 visualizzazioni

BasketRosa© 2023 Contact Us

This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now