• Basket Rosa-PINKISBETTER

MI RACCONTO A BASKET ROSA ; SARA COSTABILE


"Quando sono sul campo, che sia per giocare, per allenare o semplicemente per mettere i piedi sul parquet, è come se fossi nel mio posto.... quello dove tutto ha un'altra musica, la mia preferita". Sara Costabile? Un esempio, una garanzia, poche parole e tanti fatti che risaltano - ancora di più - tutte le sue innumerevoli qualità tecniche ed umane eccelse: "Sono una guardia del '97 e quest'anno gioco nella New Basket Accademy Brindisi", incalza la cestista. "La mia famiglia è nata nella pallacanestro: mio nonno e mio zio erano presidenti di una delle squadre più forti nella mia città. Mio padre, mio zio, fino ad arrivare a mio fratello Danilo erano tutti già innamorati di questo meraviglioso sport". Una passione per la palla a spicchi, la sua, nata prestissimo: "Avevo solo 5 anni quando i miei genitori mi portarono sul campo da basket; credo che a parole quasi non si possa spiegare quello che è per me la pallacanestro, è un amore così forte da non riuscire ad esprimerlo". "Ho iniziato nella 3R Basket Brindisi", prosegue Sara, "la mia seconda famiglia fino all'età di 16 anni. Con loro abbiamo vinto tanti campionati regionali giovanili che ci hanno portato ad un'interzona U17, ed ero anche nelle 12 della squadra "senior" di serie C. A 17 anni ho deciso di provare a diventare una professionista e sono andata a giocare nel Salerno Basket '92 nel roster di serie A2 e nel campionato giovanile, dove sono stata per 2 anni prima di tornare a casa. Tornata a casa ho smesso di giocare per un anno, pensando di aver deluso le mie aspettative. Ma il primo amore non si scorda mai e ho ripreso a giocare nella mia squadra di appartenenza con la quale, lo scorso anno, ci siamo giocate l'accesso per l'A2". Ma veniamo a questa stagione: "L' obiettivo di squadra è quello di salire in serie B, quello personale è di riuscire a migliorare la giocatrice che sono ora "rubando" i movimenti, le strategie e anche un po' d'esperienza dalla mia capitana". Conosciamo più nel dettaglio Sara Costabile: "I miei pregi in campo? Il tiro da fuori (nonostante i ferri mi stiano ancora gridando contro). Sono una giocatrice pulita nei movimenti, nella tecnica e soprattutto nel fair play. Mi piace dare forza alle mie compagne e trascinare la squadra alla vittoria come una leader. Sono una ragazza semplice, sempre positiva in tutto quello che faccio nella vita e cerco di vedere il bicchiere mezzo pieno in ogni situazione. Amo stare con i miei amici ed essere l'anima della festa, ma se dovessi scegliere se andare a festeggiare o stare a casa con la mia famiglia.... non esiterei neanche per un secondo: la mia famiglia è la cosa più bella che ho". Inevitabile uno sguardo al futuro: "Il mio progetto è diventare un'allenatrice, non per forza ad alti livelli, ma anche solo riuscire a trasmettere ai bambini tutto quello che di bello ha questo sport, la disciplina, il lavoro di squadra, il divertimento: ciò che hanno insegnato a me - sin dal primo giorno - Giovanni, Donatella e Rosanna (che ringrazierò per sempre)". La conclusione è degna di questa campionessa.... sul campo e nella vita: "La frase che mi spinge a fare tutto è presa dal film Glory Road.... "Che c'è? Vuoi mollare? Te ne vuoi andare? Se molli adesso, mollerai ogni giorno finchè vivrai". Enrico Ferranti. Foto realizzata da Claudia Laus.

284 visualizzazioni

BasketRosa© 2023 Contact Us

This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now