Playoff A2, il Geas vuole chiudere i conti con Albino

Un’occasione importante per evitare rischi e risparmiarsi ulteriori 40’ di dispendioso basket da playoff nelle gambe e nella mente. Il Geas viaggia a Torre Boldone (palla a due giovedì sera alle 21.00) per affrontare gara-2 contro le bergamasche della Fassi Albino, con l’obiettivo di chiudere subito la serie e non dover prendere in considerazione tutti i rischi legati a un’eventuale “bella”. Nessuno si aspetta una cavalcata come avvenne un mese e mezzo fa (Albino-Geas 27-74): basta una vittoria di un punto…

Il 66-44 di gara1 fa ben sperare le rossonere, che hanno superato con qualche errore al tiro (32% da 2 il migliorabile dato finale), ma senza andare in panico né in svantaggio a parte pochissimi istanti, un primo tempo in cui Albino ha provato a rimanere incollata (35-28 all’intervallo), sfruttando poi la propria qualità superiore per scappare nella ripresa. Però in trasferta bisognerà tenere doppiamente alta la guardia, soprattutto perché questa è una gara senza domani per le bergamasche, che in caso di sconfitta vedrebbero la propria stagione finire.

Serviranno quindi la stessa Arturi in versione deluxe vista sabato (17 punti con 5/8 al tiro) e un’altra pioggia di cose utili da Galbiati (18 punti, 7 rimbalzi e 6 recuperi con 30 di valutazione), cercando di limitare ancora con efficacia la croata Packovski, tenuta solamente a 3/13 al tiro nel match del PalaNat.

In caso di successo, Sesto avanzerebbe così alla semifinale del tabellone 1, dove affronterebbe la vincente della serie tra Marghera e Civitanova Marche (venete avanti 1-0). Nel frattempo è già caduta quella che, stando alle gerarchie della stagione regolare, era l’avversaria più quotata del tabellone: Empoli, eliminata 0-2 da Castelnuovo Scrivia.

COACH ZANOTTI – “La cosa che mi preme di più è vincere per non arrivare a gara-3. Dobbiamo giocare con un po’ più di fluidità rispetto alla partita di sabato, dove all’inizio eravamo un po’ tese e ce le siamo tenute appiccicate per un po’. Chiaramente loro si giocano il tutto per tutto, quindi dobbiamo entrare in campo con la cattiveria giusta per chiudere la serie sul 2-0, anche perché andando alla bella non si sa mai cosa può succedere. Dovremo lavorare meglio e con più pazienza contro tutte le varie difese che Albino ci proporrà, senza dimenticare di provare a giocare in contropiede e in transizione, dove abbiamo fatto il break in gara-1, grazie alla nostra difesa che ha lavorato bene. Anche scegliere buoni tiri sarà importante per provare ad alzare le nostre percentuali”.

 

(Foto da comunicato)

 

 

 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload