BasketRosa© 2023 Contact Us

A1, coach Restivo a un passo dalla panchina di Lucca

May 25, 2017

Coach Antonello Restivo sarebbe già sulla panchina della Gesam Gas Lucca. Le voci sull’ingaggio dell’ex tecnico del Cus Cagliari alla guida della squadra campione d’Italia, avrebbero trovato conferma nella giornata del 25 maggio, quando sul proprio profilo Facebook sono apparsi numerosi attestati di congratulazioni per la nuova avventura. Ora non resta che aspettare l’ufficializzazione da parte della società toscana.

 

Sempre nella mattinata di giovedì, il sodalizio biancorosso è tornato a parlare: "Riteniamo di dover precisare un aspetto che a noi pareva scontato: il silenzio di questi giorni non significa stallo, ma intenso lavoro sottotraccia. Il cambio allenatore ci ha colto alla sprovvista in un momento euforico per i festeggiamenti ed ha comportato di rimettere in fila le idee per effettuare le migliori scelte per la Società, i tifosi e gli Sponsor. Abbiamo comunque le idee chiare per avviare un nuovo ciclo, dando la dovuta continuità: chiediamo solo la fiducia e la pazienza come si merita la Società campione d’Italia. Posti i parametri economici e valoriali propri della Società, i lavori in corso porteranno verso un nuovo progetto: le voci di smobilitazione ventilate soprattutto sul tam tam dei social network non meritano risposta, e anzi rischiano di compromettere il buon esito delle trattative in corso, fase questa notoriamente delicata, che richiede concentrazione, toni bassi e serenità. Tutte le risposte arriveranno al momento opportuno e con la massima trasparenza. La passione, il lavoro quotidiano e l’impegno sono ancora più forti in noi. Siamo i Campioni d’Italia!".

 

Anche i tifosi hanno voluto far sentire la propria voce. Di seguito, riportiamo integralmente il comunicato de I Baluardi delle Mura:In questi giorni abbiamo assistito a qualcosa di paradossale, inspiegabile ed inspiegato; siamo passati dall’enorme gioia per lo storico scudetto conquistato sul campo con assoluti ed evidenti meriti da parte delle giocatrici, dello staff tecnico e della società, ad una situazione di pericolosa incertezza, rassegnazione, amarezza, sconforto e veleno. Solo poche ore fa abbiamo appreso del mancato accordo tra coach Mirco Diamanti e la società Le Mura: questo ha portato all’irreparabile separazione del percorso professionale ed umano tra lo staff tecnico che ha condotto la squadra dalla serie B fino al massimo titolo di A1 e la società. Ma questo divorzio ha comportato ancora di più: vengono cancellati, in uno scarno comunicato e con una breve intervista, ben 11 anni di storia del basket femminile della nostra città, anni questi, in cui abbiamo apprezzato e condiviso il quotidiano lavoro di Mirco. Ed è proprio questo lavoro, questo metodo, unito agli sforzi economici di sponsor e persone che hanno investito, che indubbiamente ha spianato la strada ai successi ed alle soddisfazioni sportive fino ad ora conseguite. Questo scioccante cambio di percorso ha innescato, almeno stando a quanto riportato dai giornali, l’allontanamento progressivo ma inesorabile delle giocatrici che hanno costituito l’asse portante dei successi degli ultimi anni e sono state fino a pochi giorni fa il nostro vero patrimonio sportivo! Sebbene queste giocatrici siano di fatto professioniste e dunque per forza legate a logiche remunerative e/o di progetto, a loro (o a chi ad oggi è rimasta) va il nostro primo appello: “non abbandonate Lucca! Non cancellate la storia che vi ha reso Campionesse d’Italia! A molte di voi che sono a Lucca ormai da tempo, abbiamo sentito dire che Lucca e la maglia della nostra città sono importanti ed è gratificante giocare per i nostri colori: bene, questo è il momento di passare dalle parole ai fatti! La nostra squadra e dunque voi, avete vinto grazie al cuore che avete saputo mettere in campo, al calore di un palasport sempre più frequentato, alla passione di centinaia di famiglie che si sono avvicinate, tutto questo va preservato per rimanere e tornare ad essere “il miracolo” che tutta l’Italia cestistica ha guardato con ammirazione, passione e rispetto. Non siate complici dello sciacallaggio sportivo e mediatico che è in atto! Difendete con onore lo scudetto conquistato!”. Già, il rispetto: ci chiediamo cosa pensino - le altre squadre, la nostra città e le forze economiche che hanno o avevano deciso di avvicinarsi - di una realtà che, all’indomani dello scudetto, si troverà, senza un minimo di spiegazione e senza darne la minima avvisaglia, a percorrere una strada così incerta e che sa di un “rompete le righe”. Possono pensare mille cose, ma senz’altro è un duro colpo a quel rispetto e quella credibilità costruita faticosamente in così tanti anni. Questo percorso, ne siamo sicuri, avrebbe portato già dall’anno prossimo, un notevole aumento degli appassionati che con questo caos difficilmente oggi saranno invogliati ad avvicinarsi e a tifare per i nostri colori bianco-rossi. Crediamo che questa confusione abbia disperso molta della passione accesa nelle fasi finali dello scorso campionato e rappresenti un danno che paradossalmente ha colpito per prima la società che, ha scelto di cambiare improvvisamente percorso. Non sappiamo come siano andate veramente le cose perché chiarezza ancora non è stata fatta, quello che è certo è che a scudetto conquistato c’era e c’è un solo obbligo, quanto meno morale, che tutti dovevano rispettare: fare di tutto per difendere il titolo! Fare di tutto per non seguire la strada di altre squadre (Taranto, Priolo, Geas, Pool Comense) che, povere di risorse, dopo anni di affermazioni si sono pian piano spente, rimanendo meteore. Per questo, in una situazione di assoluta incertezza, chiediamo alla società che al più presto faccia pubblica chiarezza delle sue intenzioni facendo capire a noi tifosi ed alla città come si riparte, dove si vuole andare e come ci si arriva! Perché una spiegazione c’è e ci deve essere, come ci deve essere un progetto chiaro! In questo contesto difficile non ci rimane che aggrapparsi ad una persona e grande conoscitrice di basket come Lidia Gorlin, un altro grande patrimonio che questa società ha e che speriamo riesca concretamente a valorizzare ponendola al centro del nuovo corso. Speriamo davvero che sia lei ad indicare la strada, perché è stata la sua volontà e la sua determinazione che ha aperto e quindi permesso questo ciclo di vittorie costruite in tanti anni. Non sappiamo dove sia la ragione e quale sia lo scopo di tutto questo, è innegabile però che questa vicenda sia stata mal gestita e mal comunicata! La prima cosa dunque è fare chiarezza, perché Lucca, la nostra maglia e la nostra passione non devono essere prese in giro, ma meritano rispetto! Infine vogliamo ringraziare con vera gratitudine Mirco Diamanti per tutti questi anni di vittorie, di gesti significativi, di parole dopo gli allenamenti e dopo le partite, per la disponibilità sempre dimostrata nei confronti di noi tifosi; tante giocatrici, tanti dirigenti sono arrivati e andati, gli obiettivi negli anni sono cambiati in base alle disponibilità economiche, ma la nostra certezza era proprio di ritrovarlo in panchina anno dopo anno a dirigere il gruppo. Per molti di noi è stata la prima persona che abbiamo visto entrando al palasport, il biglietto da visita evidente che il lavoro e il sacrificio che quotidianamente era richiesto ad ogni ragazza che è venuta a Lucca, prima o poi viene ripagato. Non si capisce dunque perché cambiare quando hai il miglior allenatore italiano? Lucca è grata a Mirco per tutto quello che ha fatto e speriamo davvero che questo possa essere solo un “arrivederci”. E’ inutile ribadire lo sconforto con cui in queste ore assistiamo al progressivo disfacimento di un sogno, non possiamo credere che la vittoria di uno scudetto abbia provocato o comportato tutto questo! Il popolo bianco-rosso chiede chiarezza, rimaniamo sentinelle della nostra passione, perché Le Mura è un bene di tutta la nostra Lucca! I Baluardi vogliono chiarezza! Fino alla fine Forza Le Mura

 

 

 

 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Post in evidenza

A1 e A2, ecco l'agenda degli impegni precampionato

August 27, 2019

1/1
Please reload

Post recenti