BasketRosa© 2023 Contact Us

CREMA IMPLACABILE DALL’ARCOCARUGATE CEDE CON ONORE

October 29, 2017

Crema implacabile. Con 12 triple messe a segno, la metà realizzate dal cecchino Martina Capoferri, la Tecmar porta a casa la vittoria al PalaCarugate 60-70 davanti a una coriacea Carosello. Le ragazze di coach Piccinelli vanno a riposo sotto di otto punti (30-38) per poi risorgere, due volte: nel terzo quarto arriva a -1 grazie a 4 punti consecutivi di Cecilia Albano (42-43) e poi ancora sul -2 a 7’ dalla fine, grazie a tre canestri di fila del playmaker Francesca Diotti, sicuramente tra le migliori per Carugate: per lei 13 punti, 7 rimbalzi e 4 assist.
Crema si è confermata squadra esperta, cinica, fredda. E terribilmente efficace dall’arco, alla fine 12 su 29 con un eccellente 41% di media. Protagonista, come detto, Martina Capoferri, prima per precisione da tre anche l’anno scorso: in partita ha chiuso con 6-11 da fuori e 19 punti totali, ma coach Sguaizer ha ricevuto tanto anche da capitan Paola Caccialanza e da Giulia Togliani dalla panchina, anche per loro mano caldissima, per un totale di 4-6 da tre.
Carugate ha avuto il suo momento migliore nel secondo quarto, quando un gioco da 4 punti di Laura Rossi seguito da una bomba di Laura Zelnyte aveva portato le padroni d casa avanti di 5. E’ stato proprio in questo momento che si è accesa Capoferri: sue le due triple di fila che hanno ribaltato il risultato, regalando il sorpasso alla Tecmar, a 6’30 dalla fine del primo tempo. Da lì, Crema non si è più fatta acchiappare.
Come sette giorni fa, la giocatrice lituana di Carosello ha portato a casa numeri impressionanti: in tutto 14 punti e 17 rimbalzi. Tredici a referto per Albano, Gombac e Diotti. “Stasera abbiamo dato tanto in campo, purtroppo non è bastato -ha spiegato la playmaker-. Sicuramente c’è ancora da lavorare perché continuiamo ad avere dei blackout difensivi e offensivi”. Diotti viaggia a una media di quasi 12 punti e 6 rimbalzi nelle ultime due gare: “Ovvio che non si può giocare sempre in modo perfetto, ho avuto alti e bassi, un po’ come tutte. Ma in campo cerco sempre di dare il 100%”. Sulla stessa linea, anche la compagna di reparto Ludovica Rossini: “Loro hanno dimostrato di essere quelle che sono, un gruppo affiatato, che gioca insieme da tanto e più esperto di noi, che invece siamo ancora in fase di crescita. Peccato perché eravamo arrivate davvero a un niente da loro e poi abbiamo mollato quando mancavano quattro minuti”.


Ufficio Stampa Basket Carugate

 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Post in evidenza

A1 e A2, ecco l'agenda degli impegni precampionato

August 27, 2019

1/1
Please reload

Post recenti