BasketRosa© 2023 Contact Us

A2, riscatto Carosello: espugnata Bolzano

Era dallo scorso 30 settembre che quattro giocatrici non finivano in doppia cifra. Due di loro, per la prima volta nella stagione, hanno toccato quota 20. Ma non è una vittoria delle singole quella ottenuta a Bolzano da parte di Carosello, la firma è di tutta la squadra, nessuna giocatrice esclusa, il miglior segnale possibile dopo lo sfogo del Ds Paolo Ganguzza di qualche giorno fa. Brave tutte dunque, da Cecilia Albano, che con i suoi 23 punti ha segnato il massimo in carriera in serie A, a Laura Zucchetti, 17 anni, inserita nelle rotazioni da coach Piccinelli per dare una mano al reparto lunghi ed entrata subito in partita, con 2 rimbalzi, segnando la bomba di inizio terzo quarto e giocando undici minuti totali, più di quanto avesse finora giocato in 12 partite. 

AVVIO SHOCK
77-80 il punteggio finale per le lombarde, in un match dall’andamento a fisarmonica: avvio shock, l’8-0 di parziale delle padrone di casa dà loro l’illusione di poter controllare la gara sin da subito. A dare la sveglia alle ospiti Laura Rossi, che con 5 punti consecutivi riporta in scia Carosello. Bolzano prova a fuggire una seconda volta nel primo quarto ma stavolta è Albano, sempre con 5 punti di fila, a tenere incollate le biancoblu alle avversarie, si gioca punto a punto con alte percentuali ma difese tutt’altro che arrendevoli, l’inerzia sembra in mano alle alto atesine finché Zolfanelli,con una tripla nel finale, ci porta avanti di 2, 25-27.

SORPASSO E ALLUNGO
Il secondo quarto inizia ufficialmente per Carosello al minuto 5’27, quando Rossi, con una tripla, interrompe un blackout durato più di tre minuti, periodo in cui però Bolzano non scappa. Le squadre restano appaiate, Zelnyte e Diotti tengono a galla le viaggianti, finché una tripla della lituana prima e un canestro con fallo di Gombac poi portano per la prima volta le biancoblu avanti di due possessi. Si va a riposo sul 39-42 per la squadra ospite, Bolzano sembra in difficoltà ma non molla, grazie anche a un buona distribuzione dei punti: nel secondo quarto vanno a segno ben sei giocatrici diverse. La ripresa inizia con errori da una parte e dell’altra. La difesa di Carugate forza l’infrazione di 24’’ alle avversarie ma due palle perse di fila rischiano di rovinare tutto. Zelnyte però innesca Albano con un recupero e la tripla dell’ala piemontese porta avanti Carosello di sei lunghezze. Che diventano dodici, sempre grazie ad Albano e alla lituana, con due bombe consecutive e un parziale letale 1-9. Il massimo vantaggio però deve ancora arrivare: lo regala DIotti, anche lei con un tiro dall’arco a 40’’ dall’ultimo miniriposo, a cui risponde Fall nel finale: 48-59.

GLI ULTIMI TRE MINUTI 
Sembra fatta, anche perché Zucchetti, entrata per Zelnyte negli ultimi 4’ del terzo quarto, spara la tripla del +14 a inizio periodo. Tripla però che risveglia le padrone di casa, protagoniste di una grande rimonta. Carugate si affida soprattutto al capitano, Giulia Gombac, che segna 7 punti consecutivi finendo con 20 punti, massimo stagionale. Il momento più difficile della partita per Carosello però inizia a 3’ dalla fine, Bolzano azzecca un parziale 15-8 che spaventa le avversarie ma senza conseguenze. Le ragazze di coach Piccinelli restano concentrate anche dopo il quinto fallo di Zelnyte (chiude con la sesta doppia doppia della stagione, 12+12), sostituita da Ludovica Rossini, soprattutto dimostrandosi fredde dalla lunetta, proprio com’era accaduto ad Albino, facendo 6 su 8 negli ultimi 90’’. Si spegne sul ferro la tripla della disperazione da centrocampo di Ruocco, Carugate porta a casa la seconda vittoria consecutiva in trasferta, e lo fa ancora una volta contro una diretta concorrente per la salvezza. 

LE VOCI DALLO SPOGLIATOIO
“Una partita a dir poco al cardiopalma, fortuna che è andata bene” ha detto a caldo Francesca Diotti. Felice anche Cecilia Albano: “La posta in gioco era altissima, siamo state brave tutte, nessuna esclusa”. L’analisi della partita però, spetta a coach Piccinelli, che spiega: “A essere sincero non ho mai avuto timore che potessimo perdere la partita. Vero che abbiamo un po’ subito con l’uscita di Zelnyte per 5 falli per me immeritata ma abbiamo tenuto testa fino in fondo a una squadra che gioca insieme da 3 anni. Una grande prova di compattezza, è stata la dimostrazione che se facciamo circolare la palla come avevamo già fatto con Cagliari, Albino e Costa, distribuendo nel modo giusto le responsabilità, possiamo toglierci grosse soddisfazioni. Dedico la vittoria, che è tutta delle ragazze, alla società che ci è sempre stata vicina”.

Tabellino:
Itas Alperia Bolzano – Carosello Carugate 77-80 ( 39-42 )
Diotti 7, Rossi 12, Zelnyte 12, Albano 23, Gombac 20, Zucchetti 3, Rossini, Mariani NE, Zolfanelli 3, Macalli NE. All. Piccinelli

Si ringrazia BK Bolzano per le foto - Addetto Stampa Giacomo Iacomino

 

 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Post in evidenza

A1 e A2, ecco l'agenda degli impegni precampionato

August 27, 2019

1/1
Please reload

Post recenti