BasketRosa© 2023 Contact Us

MARTINA BAIARDO SI RACCONTA

May 17, 2018

 

 "La mia passione per il basket è nata da piccolina, all'età di 5-6 anni: mio fratello giocava nella società del paese dove vivo (Virtus Cornaredo Basket). Io andavo a vedere le sue partite ed i suoi allenatori mi hanno "trascinata" in  campo: da allora non ho più smesso.  Sono rimasta lì fino a 15 anni, per poi  andare nell'A.S.D. Baskettiamo Vittuone,  rimanendoci per 6 anni. Poi una  stagione con il Sanga in serie A2 ... ed  infine Milano Basket Stars, la mia attuale squadra". Martina Baiardo, guarda/ala classe 1995, ha le idee molto chiare  sulla pallacanestro: "Il basket è la mia vita, per qualcuno sembrerà esagerato ma è così. Le mie giornate sono università, studio e palestra. Tutte le mie amicizie sono legate a questo mondo e preferisco di gran lunga giocare una partita il sabato sera piuttosto che andare a ballare o altro". "Amicizie a parte", prosegue la cestista, "penso mi sia servito tanto per capire i concetti di squadra e rispetto, che se non avessi praticato uno sport di questo genere non avrebbero mai fatto parte del mio carattere". Conosciamo meglio questa ragazza talentuosa: "Mi hanno sempre detto di essere molto atletica, difendo abbastanza bene. Mi reputo una giocatrice aggressiva, nel senso che dall'inizio alla fine metto sempre il 100% anche se mi faccio influenzare molto psicologicamente perchè sono molto emotiva... ma quando entro in campo riesco ad isolarmi dal resto e penso solo a giocare. Il mio difetto più importante? Il palleggio". La palla a spicchi, come già accennato, è parte essenziale nella vita di Martina Baiardo: "Quest'anno ho fatto il corso di allenatrice minibasket con l'obiettivo, magari, di trasmettere questa mia passione ai bimbi che si stanno approcciando a questo sport. Ho fatto anche quello di allievo-allenatore in modo da poter fare qualcosa a livello di giovanili". I progetti futuri non mancano: "Prima di tutto voglio terminare l'università: sono al 4^anno di Osteopatia e mi piacerebbe aprire uno studio per avere, quindi, una mia attività. Per quanto riguarda il basket vorrei proseguire  con il mio percorso da allenatrice e - ovviamente - continuare a giocare. Essendo legata a Milano per via degli studi non posso spostarmi, almeno fino all'anno prossimo". Il motto che caratterizza questa giocatrice dalle grandi qualità tecniche ed umane è molto significativo: "SUCCESS DOESN'T COME WITHOUT SACRIFICE. NO EXCUSES. Ovvero: il successo non arriva senza sacrificio. Niente scuse".  Enrico Ferranti. Foto realizzata da Marco Brioschi.

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Post in evidenza

A1 e A2, ecco l'agenda degli impegni precampionato

August 27, 2019

1/1
Please reload

Post recenti