BasketRosa© 2023 Contact Us

Maria Zanella si racconta

June 22, 2018

 

 "La pallacanestro mi ha insegnato molto, è stata sempre una maestra di vita; la palestra è stata casa mia, le compagne di squadra mie sorelle. Questo sport è stato - ancora oggi è così - ossigeno.... mi ha dato educazione, amicizie vere e mi ha trasmesso valori importanti". La palla a spicchi rappresenta "tanta roba" per Maria Zanella, classe 1992. La guardia è un punto di riferimento per l'Alpo Basket: "In campo sono a disposizione dell'allenatore", incalza Maria, "ciò che mi riesce meglio è il tiro da fuori anche se, a seconda delle esigenze, riesco a rendermi utile". Nel suo percorso cestistico, enorme importanza ha ricoperto il fratello Piero: "La mia passione per il basket è nata grazie a lui. È sempre stato motivo d'ispirazione in tutto; attualmente è il vice del Famila Schio (che è anche la mia città natale e dove ho svolto le giovanili)". "Mi ritengo una giocatrice molto competitiva", le sue parole, "non mi tiro mai indietro, dando sempre tutto. Preferisco giocare per le mie compagne e cerco di rendermi più utile che posso". La notevole grandezza di Maria Zanella non la si misura solo in campo, ma anche fuori: "Oltre alla pallacanestro, lavoro in una comunità familiare con minori. Anche loro mi hanno cambiata molto: seguire problematiche del genere ti apre fortemente la mente ed il modo di vedere le cose. Questo lavoro mi ha fatto maturare molto". Tornando alla pallacanestro: "Nel mio futuro c'è un'altra importante stagione ad Alpo in cui vorrei raggiungere il miglior risultato possibile. So che insieme a questo gruppo ci possiamo togliere grandi soddisfazioni". Il motto di Maria Zanella? "SOLO COSE POSITIVE, SOLO POSITIVITÀ. Credo che questa frase possa essere utile in tutti gli ambiti della vita". Enrico Ferranti. Foto realizzata da Giacinto Chianciano. 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Post in evidenza

A1 e A2, ecco l'agenda degli impegni precampionato

August 27, 2019

1/1
Please reload

Post recenti