BasketRosa© 2023 Contact Us

Europei U18, vittoria dell'Italia sulla Svezia 62-50

August 5, 2018

La seconda gara è contro la Svezia, squadra sicuramente alla nostra portata, ma bisogna vedere come le ragazze Azzurre hanno metabolizzato la sconfitta dell’esordio.

 

Parte con due palle perse da ambo i lati e un’ infortunio che costringe Cantone a lasciare il campo, la Svezia si sblocca con Lundqvist, l’Italia con il piazzato di Baldi e con i successivi tiri dalla lunetta di Toffolo arriva il primo sorpasso Azzurro.

Conte prende il posto di Orsili gravata da due falli, Persson ci punisce con il tiro pesante prima e con Elias dal tiro libero 7-4. Erlandsson viene servita in contropiede e conclude a segno, coach Iurlaro vuole parlare alle Azzurre.

Al rientro ancora un errore in attacco permette il recupero alle svedesi, poi lo stesso fanno loro cosicché riusciamo a recuperare palla, Gregori piazza la “bomba” che ci riporta sul -1 quando mancano 2’ alla prima sirena. La capitana Vella converte 1/2 dalla linea della carità e all’azione successiva piazza la difesa che permette ancora l’ennesimo recupero non concluso. Un’ingenuità della difesa scandinava manda in lunetta Gregori con tre tiri dalla lunetta 2/3 e torniamo in vantaggio sulla sirena il referto dice 9-10.

Ripartiamo con un fallo che ci costringe a faticare altri 14” in difesa e ci prendiamo un altra tripla da Taylor che ci rispedisce sotto. La Svezia piazza la difesa a zona, commette fallo e adesso abbiamo ancora 14” per cercare di concludere il possesso; ci riusciamo con la “tripla ignorante” di Vella che vale il -1. Presson infila i due liberi che valgono il +3, al ribaltamento del campo va a segno Profaiser e scatena i cori del pubblico accorso a sostenere le Azzurre a questo Europeo di Udine. 

Fatichiamo a contenere l’area e Orsili commette il terzo fallo personale, ora dovrà essere brava a gestirsi ma “si fa perdonare” andando a segno e riportandoci sul +1 a metà frazione. Soglia trasforma un rimbalzo in attacco in canestro con tiro aggiuntivo per il 16-19.

Sabel riporta in parità il match Ianezic si sblocca in attacco riportandoci in, seppur flebile, vantaggio, 19-21 e sospensione Svezia. Riprendiamo con Ianezic, ma veniamo puniti da oltre l’arco da Karlsson, risponde Gregori poi Johnson -1 Svezia e ultimo giro di lancette. Toffolo in area per il +3, Gregori commette un fallo che manda in lunetta Johnson, riaccorcia, Vella va a segno dopo una giocata di squadra con assist di Gregori che accende gli animi al Pala Carnera e quelli di coach Baerlin che chiama le sue in panchina. Il time out produce l’effetto desiderato dalla panchina della Svezia che rientra e con Elias torna in perfetta parità 29-29.

Riprende il gioco e Toffolo concretizza per l’Italia a seguire è Pastrello dalla lunetta a riportare un possesso pieno di vantaggio. Ianezic con l’arresto e tiro ed è massimo vantaggio Azzurro +6 quando mancano 4’ alla sirena di fine periodo. Gregori non sbaglia dalla lunetta e prolunga il break tricolore +8, subito ridotto dalla tripla di Elias. Tripla di Ianezic e il pubblico scatta in piedi a sostenere le Azzurre, 32-40 quando siamo negli ultimi 2’ da giocare. La Svezia rimane a contatto grazie ai tiri da oltre l’arco,l’Italia prova ad aumentare l’intensità difensiva. Conte subisce fallo e va in lunetta 1/2 ed è il 37-43, terza sirena di gara. Ultimi dieci da vivere al Pala Carnera di Udine, le Azzurre devono tenere e mantenere il vantaggio per poter finalmente sorridere a questo Europeo e poter ambire al terzo posto del girone A. Il gioco riprende, e anche l’offensiva italiana con Soglia prima e Conte a seguire, ancora una palla recuperata dalla difesa italiana e Vella lanciata in contropiede subisce un antisportivo. Il vantaggio in doppia cifra regala energia alle Azzurre che vedono vicina la vittoria e dall’altra parte la Svezia perde un pò il ritmo di gara, il coach se ne accorge e richiede la sospensione. 

Al rientro è sempre inerzia Azzurra, ma mancano ancora tanti minuti e memori della gara di ieri, dove abbiamo mollato negli ultimi minuti, coach Iurlaro dalla panchina predica calma in attacco e pressione in difesa. Orsili insacca il +13, la difesa fatica e anche la panchina la sostiene con la voce, Toffolo va a segno +15 a metà periodo, ora anche il cronometro è alleato dell’Italia, mentre la Svezia inizia ad accusare il colpo. La Svezia schiera la zona, ma vine bucata da Ianezic prima e la “bomba” di capitan Vella lancia di fatto i titoli di coda del match che vede arrivare la prima vittoria Azzurra con il risultato finale di 50-62.

Domani ci attende il Belgio campione in carica, il nostro in bocca al lupo va a Cantone che verrà valutata dallo staff medico. FORZA RAGAZZE!!!

 

TABELLINI:

Svezia - ITALIA 50-62

Parziali: 9-10; 20-19; 8-14; 13-19.

 

Svezia: Dourva 3, Ekstrom, Karlsson 3, Lundqvist 3, Sabel 14, Ahlberg, Elias 9, Erlandsson 4, Johnson 4, Johnson Sidi Baba n.e, Persson 5, Taylor 5. All.Baerlin TL. 7/15 T2. 8/32 T3. 9/24. Rimb. 14+28.

 

ITALIA: Bocola, Conte 3, Ianezic 13, Orsili 4, Profaiser 2, Baldi 2, Cantone, Gregori 9, Pastrello 2, Soglia 6, Toffolo 11, Vella 10. All. Iurlaro TL. 12/18 T2. 19/44 T3.4/18.

 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Post in evidenza

A1 e A2, ecco l'agenda degli impegni precampionato

August 27, 2019

1/1
Please reload

Post recenti