BasketRosa© 2023 Contact Us

Sanga ko, Carosello vince la prima in casa

October 7, 2018

 

Ha ragione da vendere Riccardo Lanza, assistente allenatore Carosello Carugate, quando sul suo profilo instagram scrive: “La prima volta non si scorda mai”. Perché è proprio così. La sfida contro Sanga è stata una battaglia vera, combattuta, dalla palla a due fino al tiro della disperazione, alla sirena, di Quaroni, che trova il canestro ma non la vittoria. E’ infatti la squadra allenata da coach Piccinelli ad aggiudicarsi il secondo derby lombardo della stagione dopo Crema-Costa della prima giornata: 61-56 il punteggio finale per Carugate, al termine di una partita epica, da imprimere nella memoria, perché giocata da entrambe le parti senza mai risparmiarsi. Alla fine è la squadra bianco blu a prevalere, trascinata da una Giulia Maffenini irreale, autrice di 29 punti, 10-19 al tiro, tre triple, quattro recuperi e 28 di valutazione, una prestazione la sua talmente dominante che gli stessi numeri, già pesanti, non le danno giustizia per una gara che probabilmente sentiva molto di più rispetto a tutte le altre giocatrici per i suoi trascorsi a Sanga (quattro anni).

ECCELLENTE PROVA DI GRUPPO
In verità è l’intero collettivo di Carosello a meritare più di una nota di merito, nessuna esclusa. Lorena Molnar, nonostante la sua uscita prematura per 5 falli, ha dimostrato tutto il suo potenziale, dominante a rimbalzo (10 solo nel primo tempo), tempismo negli aiuti in difesa, buon senso della stoppata e movimenti efficaci in attacco. Eccellente il secondo tempo giocato da Francesca Diotti, decisiva a rimbalzo e nei recuperi, Cecilia Albano ha faticato a entrare in partita ma nei minuti importanti ci ha messo la firma anche se zoppicante. Giulia Colombo è stata una delle protagoniste della rimonta e dell’allungo Carugate tra la fine del primo e l’inizio del secondo quarto, (parziale 21-12) per l'equilibrio che riesce a dare al quintetto. Francesca Gambarini ha mantenuto lucidità e freddezza nonostante i 4 falli negli ultimi cinque minuti, prendendo sempre le scelte giuste in attacco e in difesa. E anche la giovanissima Gaia Fossati, backup della croata ha mostrato carattere e voglia di lottare sotto canestro. Il tutto condito da una grande versatilità difensiva, sottolineata dallo stesso coach Piccinelli: “La tenuta nella nostra metà campo è stata decisiva, ringrazio le ragazze non solo per la vittoria ma per come hanno interpretato la partita, riuscendo a cambiare pelle ogni volta che è stato necessario. E’ bello vincere così, di squadra, guidati da quel fenomeno che è Maffenini ma ben coadiuvata da tutte le altre. Albano a fine gara zoppicava e Colombo si è scavigliata. Abbiamo stretto i denti ma ce l’abbiamo fatta e questo è l’importante”. 


LA CRONACA DELLA PARTITA
Sanga prova a scappare nel primo quarto con un break firmato Toffoli e Gombac (l'altra grande ex della sfida), che insieme segnano dieci punti per il momentaneo +8 a favore della squadra ospite. Diotti e Maffenini ricuciono il passivo, nel secondo quarto trascorrono quattro lunghi minuti senza canestri su azione, digiuno interrotto dalla tripla del capitano che riporta il punteggio in parità: 21-21. Un nuovo parziale 9-0 firmato Gambarini-Maffenini-Molnar regalano il primo allungo Carosello, ridotto poi da un tiro da tre di Visigalli e un canestro di Quaroni. Si va a riposo sul 30-26 per Carosello.

QUARTA VITTORIA DI FILA IN CASA
La ripresa riparte con un nuovo parziale 9-1 Carugate, cinque se ne segna la solita Maffenini, ma Sanga non muore mai, controparziale 3-12 firmato dalla panchina con Giulietti e Capucci mentre la bulgara Kostova non riesce mai a entrare in gara. Si va all’ultimo mini intervallo con Carugate ancora avanti 42-39. L’ultimo quarto è il più equilibrato, non ci sono strappi, Carosello dà un paio di volte la sensazione di poter mollare ma una grossa mano arriva da Albano e Diotti, la prima in attacco (tutti i suoi 7 punti li segna nel quarto quarto) la seconda con il lavoro sporco (3 rimbalzi, 1 recupero e 1 assist). Gambarini non fallisce i due liberi nel finale e la squadra ritrova il sorriso dopo il ko all’esordio con Moncalieri. Per Carosello si tratta della quarta vittoria in casa consecutiva, considerata la striscia rimasta aperta l’anno scorso dopo le tre vinte di fila contro Alghero, Pordenone e Bolzano.

Tabellino: Conti ne, Usuelli, Diotti 4, Molnar 6, Macalli, Maffenini 29, Tenderini ne, Gambarini 10, Fossati 4, Colombo 1, Albano 7. All. Piccinelli

Foto di Roberto del Bo e Moreno Cani 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Post in evidenza

A1 e A2, ecco l'agenda degli impegni precampionato

August 27, 2019

1/1
Please reload

Post recenti

September 14, 2019