Tra obblighi e mancanze, c’è un movimento che vive di passione per il basket

December 7, 2018

Questa settimana ci è arrivata una segnalazione dal Veneto, e noi siamo andati a sentire i protagonisti della vicenda. Precedentemente a questo episodio, nella medesima regione e nel medesimo campionato, era già successo ossia: mancano gli arbitri.

Gli arbitri, quelli tanto discussi quanto fondamentali per una partita di pallacanestro, da tempo la Fip e la Regione si sono attivati per avere numeri idonei a coprire le gare, che in una delle regioni con maggior numero di tesserati sono davvero tante, e a questi campionati si è aggiunto il 3X3 che diverrà disciplina Olimpica a Tokio 2020, nel quale la Federazione sta spingendo molto, grazie alle “ragazze d’oro” Campionesse del Mondo in carica in questa specialità. E’ proprio in questa direzione infatti, che la Federazione vuole farsi trovare pronta, e sta lavorando da anni (come ci ha riferito proprio il coach della nazionale Campione del Mondo Adamoli in una precedente intervista a Basket Rosa), per creare un movimento “specializzato” nel 3x3.

Da qui il Veneto ha subito concretizzato l’idea, istituendo campionati giovanili obbligatori di 3x3 U18 e U16 maschili e femminili con regole FIBA da aggiungere al regolare campionato, con delle tappe per ogni categoria giovanile. 

Queste tappe, si svolgono infrasettimanalmente e vengono organizzate sul territorio da una società ospitante e questa era la volta della Reyer Venezia per l’U.16 femminile Gold, che per ospitare la tappa si era organizzata scegliendo tra i tre giorni proposti dal Comitato, ritagliando l’orario della palestra (due ore), mettendo a disposizione i segnapunti e il materiale richiesto; il commissario, arbitri, palloni e referti se ne sarebbe occupato il Comitato Regionale Veneto.

Le squadre partecipanti erano cinque, arrivate puntuali con liste gara e atlete per disputare la giornata di campionato- quando alle 18:50 con inizio ore 19:00 non ho ancora visto nessuno - dice il responsabile settore giovanile femminile Reyer Conchetto - ho iniziato a chiamare per capire a cosa fosse dovuto il ritardo e di li a poco è arrivato il Commissario con palloni e referti. Degli arbitri non si sapeva nulla e si presume una mancata designazione, ma di ufficiale non ci è stato comunicato niente, se non che la tappa sarà recuperata a data da destinarsi. Di fatto due ore di palestra a vuoto e il disagio di tutte le squadre presenti.- questo è il fatto accorso che di certo crea non pochi disagi e il pensiero inevitabilmente corre al maschile, sarebbe mai capitata una situazione simile? se si, cosa sarebbe successo? il malumore di esser sempre in secondo piano, rispetto al movimento maschile, si sente spesso in queste e altre situazioni, purtroppo.

 

Testimonianza di una mamma di una ragazza di Conegliano, la stessa squadra che alla prima giornata di campionato a S.Bonifacio (Vr) fece 300Km (andata e ritorno) a vuoto per mancanza del direttore di gara e la partita verrà recuperata infrasettimanalmente, con il disagio che ne consegue.

 

“Un martedì pomeriggio d’inverno, c’è scuola, ci sono i compiti da fare.

In un sistema scolastico dove non ci sono ne comprensione ne sostegno a chi pratica sport. C’è una normale giornata di lavoro, per noi genitori. Ma c’è il torneo 3x3, non si può mancare e allora ci si organizza con i compiti, con i permessi al lavoro. Sì, perché siamo una piccola società, niente sponsor, niente prima squadra da riflettori, niente pulmini. Solo tanta voglia di giocare a basket, e allora queste ragazze le aiutiamo noi, padri e madri, ci prendiamo ferie a turno, per portarle a 50 km da casa a giocare. Con la difficoltà  di gestire mille impegni di lavoro, di famiglia, le accompagnamo  ogni weekend in giro per il Veneto a giocare il loro campionato. Oggi è martedì, non importa, ce la faremo lo stesso, perché se le nostre figlie riescono a fare 4 allenamenti e una partita con almeno 40 km da percorrere ogni settimana, ecco se hanno un sogno, una passione noi non possiamo non trovare il modo di fare la nostra parte. Ma quando l’arbitro non si presenta, per la seconda volta in un mese, c’è qualcosa che non funziona. Qualcosa che non può passare più sotto silenzio. Neppure quattro settimane fa hanno fatto quasi 300 km tra andata e ritorno per sentirsi dire che l’arbitro non aveva ricevuto la convocazione per la partita. Campionato U16 Gold. Ieri di nuovo, otto squadre, obbligate ad iscriversi al torneo dalla fip, non hanno visto arbitro. Esagerato, troppo per non parlarne. Per chiedere rispetto nei confronti di chi si impegna in uno sport.”

 

A questa testimonianza abbiamo aggiunto quella dell’allenatore di Conegliano, Michele Tomei che ci ha raccontato appunto del viaggio a vuoto fatto fino a S. Bonifacio (Vr), senza alcuna comunicazione preventiva che l’arbitro non si sarebbe presentato. “L’iniziativa del Comitato di inserire il 3X3 è pregevole, anche se in mezzo allo svolgimento del campionato è stato all’inizio faticoso organizzare allenamenti e famiglie, ma si è riusciti a incastrare tutto. Gli spazi e le disponibilità di orari e pomeriggi sono contati, se a questo ci si aggiunge il rinvio di una gara di campionato e del concentramento 3X3 per mancato arrivo degli arbitri, ci si mette veramente in difficoltà, anche di fronte alle famiglie che, in una piccola società come la nostra, sono fondamentali per svolgere l’attività. Sappiamo che far funzionare tutto è complicato, e che all’inizio c’è sempre un pò rodaggio, però le richieste di essere puntuali da parte della Federazione sono sempre tante nei confronti delle società, ci aspettiamo che anche la Federazione adempi con altrettanta puntualità i propri”. 

 

Parole sacrosante, tutto è difficile ma alle volte il buon senso aiuterebbe a mantenere gli impegni presi senza dover incorrere in sanzioni e disagi come in questo caso. La gara sarà recuperata il concentramento pure, ma la collaborazione e la flessibilità delle parti sarebbe un punto su cui lavorare, meglio il dialogo a delle sanzioni, sopratutto quando le mancanze sono da ambo le parti, in questo caso degli arbitri, il prossimo potrebbe essere della società.

 

 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Post in evidenza

A1 e A2, ecco l'agenda degli impegni precampionato

August 27, 2019