Diana Schwienbacher si racconta

January 12, 2019

 

"Il basket è uno stile di vita: si crea una seconda famiglia, in palestra e fuori dal campo". Diana Schwienbacher - classe 1992 - ci parla della sua grande passione per la pallacanestro, nata fin da piccolissima: "D'altronde con 2 genitori ex cestisti e attualmente proprietari di una società (il Charly Basket Merano) non poteva essere altrimenti", le sue parole. Cestista duttile e dai notevoli valori tecnici, Diana Schwienbacher: "Gioco principalmente nel ruolo di guardia.... poi - se necessita - posso alternarmi come playmaker o ala. Attualmente - per questioni di causa maggiore - ho dovuto prendermi un anno sabbatico, ma sono pronta per tornare in campo il prima possibile. Mi reputo una giocatrice tecnica e precisa anche se dovrei mettere un po' più di aggressività. Mi prendo le responsabilità e non mi tiro indietro nel tiro nei momenti di difficoltà. Un mio difetto? Non nascondo le emozioni: quando c'è qualcosa che non va lo esterno e spesso ciò mi crea difficoltà". "Divido la mia vita tra lavoro e basket", prosegue la Schwienbacher, "durante la mattina mi concentro nel mio lavoro di receptionist in campeggio mentre nel pomeriggio vado in palestra per allenare i bambini (dal 2008 al 2013) del minibasket presso la società Verona Basket.... anche se il mio obiettivo principale è tornare a giocare. Come istruttrice sono abbastanza dura, ma sempre con il sorriso; provo a trasmettere la voglia e l'amore che ho verso questo sport. Cerco di far capire ai bambini l'importanza di ciò che fanno e che nelle cose bisogna metterci sempre passione". I progetti futuri non mancano: "Riavvicinarmi a casa per poter dare una mano ai miei genitori con la società di basket e tornare tra i monti". 

 

Enrico Ferranti

Foto realizzata da Andrea Miotto
 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Post in evidenza

A1 e A2, ecco l'agenda degli impegni precampionato

August 27, 2019

1/1
Please reload

Post recenti