Il Gruppo Stanchi Athena ospita Cus Cagliari nell'anticipo delle 16.15

March 30, 2019

 

Torna in campo il Gruppo Stanchi Athena. Dopo la sosta per la Coppa Italia, riparte il campionato di Serie A2 e la formazione romana sarà impegnata domani in una importante partita casalinga. Alle 16.15 al PalaDonati di Via Clelia Bertini Attilij la formazione di coach Francesco Goccia ospita il Cus Cagliari. Nella gara di andata, disputata l'1 dicembre, Cagliari vinse nettamente 73-53. La formazione di coach Federico Xaxa è decima in classifica con 20 punti, segna 60.8 punti a partita e tira con il 41% da due punti e con il 24% da tre, mentre ai liberi ha una percentuale del 74%. La media ai rimbalzi èinvece di 30.5 a partita. Leggermente inferiori le cifre del Gruppo Stanchi Athena, che segna 54.9 punti a partita, tira con il 37% da due, con il 22% da tre e con il 58% i liberi, mentre è superiore a rimbalzo, con 35.5 per gara. La miglior realizzatrice del Cus Cagliari è Erika Striulli, playmaker che viaggia a 14.1 punti di media a partita, mentre la miglior rimbalzista è la polacca Kotnis, che ne prende 9,5 per gara.

Questo il commento di Gaia Raveggi: "Cagliari arriverà con il coltello fra i denti, considerando anche la partita di andata. Andammo in vantaggio ma poi ci fu un black-out, come altre volte ci è capitato. Però credo che quasi tutte le partite dipendono da noi e dallo spirito che ci mettiamo". Elena Russo ha voglia di rivincita: "Di Cagliari ho un brutto ricordo. Lì abbiamo fatto una delle partite più brutte di quest’anno e abbiamo voglia di riscattarci. La formazione sarda è una squadra che può dare fastidio, in tutti i reparti ha giocatrici esperte e di grande spessore, non va assolutamente sottovalutata".
Così, invece, Giulia Grimaldi: "Stiamo cercando di ritrovare fiducia in noi stesse, è la cosa che ci manca di più. I punti persi contro Forlì ci hanno scoraggiate. Erano ultime, avevamo vinto in casa loro, è stata una brutta batosta. Stiamo cercando di arrivare concentrate. Vogliamo iniziare subito forte, per far capire alle avversarie che batterci sarà dura. A Cagliari lo facemmo, poi nel terzo quarto ci fu un black-out, con noi ferme a guardare, immobili. Dobbiamo un po' svegliarci dal punto di vista psicologico. Se anche quello che prepariamo non viene, se qualche schema non riesce, bisogna comunque stare lì con la testa". 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Post in evidenza

A1 e A2, ecco l'agenda degli impegni precampionato

August 27, 2019

1/1
Please reload

Post recenti