BasketRosa© 2023 Contact Us

Claudia Aiello si racconta

April 17, 2019

 

"Le emozioni che mi regala la pallacanestro sono uniche: mi permettono di staccare, di sfogarmi, ma - allo stesso tempo - possono anche portarmi a delusioni o dispiaceri. È una gran fetta della mia vita.Una passione, quella di Claudia Aiello, nata all'età di 7/8 anni: "Ero iscritta a pallavolo ma, dall'altra parte della palestra, giocavano a basket ed io ero molto affascinata dalla palla a spicchi". Classe 1988, pivot, attualmente alla Magik Basket Parma: "Ancora ora - a 31 anni - l'adrenalina è la stessa di sempre; l'agitazione per le partite e la voglia di vincere non passano mai", incalza la cestista. "In campo sono una giocatrice che non si tira mai indietro, anzi.... sotto canestro lotto fino alla fine", prosegue Claudia Aiello, "un mio difetto? A volte tendo ad arrabbiarmi un po' troppo con me stessa se non faccio bene". Una carriera - indubbiamente - molto importante quella di Claudia Aiello: "Ho giocato a Casalmaggiore fino ai 13 anni con i maschi perchè non c'era una squadra femminile e mi destreggiavo bene nonostante fossi l'unica ragazza. Mi allenava e mi ha fatto appassionare a questo sport Luigi Ferroni, mio primo allenatore che adesso non c'è più. Nel 2001 mi trasferisco a Parma ed inizio il percorso nel settore giovanile a Basket Parma conquistando interzona e finali nazionali. Per 2 anni ho  partecipato a tutte le possibili selezioni regionali chiamate allora Azzurrina. Successivamente, per motivi di studio, mi sono presa una pausa per poi riprendere in C e la promozione subito in B; cambio altre società sempre di serie B per poi ritornare in Magik, mia attuale squadra d'appartenenza. Non solo basket giocato: "Alleno da quando ho 18 anni, sia il minibasket che il settore giovanile; inoltre - negli ultimi anni - seguo soprattutto il femminile: lo sento più adatto e credo di poter dare tutta me stessa". I progetti in cantiere? "Riuscire a portare le mie bimbe, in futuro, a giocare in una squadra senior di alto livello e sicuramente accrescere la mia esperienza da allenatrice in una categoria alta femminile, iniziando come assistente e poi si vedrà". Concludiamo con il motto di Claudia, una frase che rispecchia tutta la sua grandezza in campo e fuori: "Oggi più di ieri e meno di domani".

 

Foto realizzata da Giampaolo Grisenti

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Post in evidenza

A1 e A2, ecco l'agenda degli impegni precampionato

August 27, 2019

1/1
Please reload

Post recenti