BasketRosa© 2023 Contact Us

Royal Basket Finale Emilia, Pietroluca D'Ambrosio è il nuovo direttore sportivo

August 9, 2019

"

Qui - tanti anni fa - ho iniziato il mio percorso cestistico; credo nei valori della società e voglio contribuire a portarli avanti". Sono le prime parole di Pietroluca D'Ambrosio, neo D.S. finalese: una garanzia, un professionista di grande valore a disposizione della squadra femminile allenata da Coach Bregoli che si appresta a vivere la seconda stagione in serie B. Ma un impegno anche a tutto tondo: "Seguirò infatti senior e giovanili.... sia - appunto - per il settore femminile, ma anche per quello maschile", incalza D'Ambrosio. Un trascorso cestistico di tutto prestigio, il suo: "All'età di 9 anni ho iniziato a giocare a Finale Emilia e a 17 ad allenare, dapprima le giovanili, poi il Minibasket. In seguito sono passato a senior, maschili e femminili. Ho avuto esperienze come Coach anche in altre realtà, tra cui ricordo con piacere i successi alla guida della C femminile del Basket Medolla, presieduta dal compianto Andrea Ganzerli. Successivamente, lavoro ed incombenze familiari mi hanno impedito di continuare". Una scelta non casuale la nomina di Direttore Sportivo: "Già in passato avevo iniziato ad occuparmi dei rapporti con le altre società; per questo e per il forte legame che sento con questo ambiente, quando mi è stato proposto questo incarico ho accettato con entusiasmo di mettere a disposizione la mia esperienza e le mie conoscenze". Non mancano certo le idee ed i propositi: "Lealtà, rispetto, impegno, solidarietà e senso di appartenenza sono i valori che voglio trasmettere ai nostri atleti; penso li aiuteranno ad affrontare i bivi e le difficoltà che incontreranno nella vita. Da noi i ragazzini iniziano il loro percorso di crescita giovanissimi, dobbiamo trasmettere loro quotidianamente l'importanza di questi principi. Partendo dai nostri dirigenti e allenatori, massimo impegno in questo ambito.... siamo prima di tutto educatori. A livello agonistico vogliamo tornare ad avere squadre maschili e femminili per ogni annata di nascita e che le squadre senior possano competere al livello migliore possibile in modo stabile. I nostri giovani atleti devono debuttare in campionati qualificanti e, chi dimostra di avere le capacità, deve poter proseguire in compagini professionistiche. In passato abbiamo aperto collaborazioni con società blasonate che non hanno portato ai risultati sperati, cioè lo sviluppo organico ed organizzato della nostra zona e la possibilità di crescita degli atleti in un contesto condiviso. Ora penso sia giusto rivalutare un senso di appartenenza, dissipato da una serie di vicissitudini su cui è inutile soffermarsi. Abbiamo scelto di impegnare tutte le energie nel miglioramento dei nostri atleti e di rimanere ancorati alle nostre radici, ai nostri colori, al nostro territorio. Un plauso va ai nostri allenatori, istruttori e preparatori, all'impegno dei nostri giocatori e ai tanti genitori che, con la loro fiducia, ci spronano ad andare avanti. Lo sport ha un ruolo fondamentale nel tessuto sociale e necessita di risorse che non vanno distolte nonostante la crisi economica avvertita da pubblico e privato e acuita dal terremoto del 2012. Un grosso aiuto ci viene dalle aziende nostre amiche, che hanno scelto di essere con noi e sostenerci anche nella prossima stagione... grazie di cuore". Ed infine, un invito davvero molto significativo: "Quest'anno chiedo ad atleti e staff uno sforzo aggiuntivo, quel qualcosa in più che ci faccia riempire il serbatoio di energia e faccia scattare nuovamente la scintilla dell'entusiasmo. Ogni membro dei nostri gruppi deve sentire di far parte di un'unica grande squadra: il ROYAL BASKET. La strada sarà lunga ed impervia, ma assieme arriveremo lontano". Enrico Ferranti.
 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Post in evidenza

A1 e A2, ecco l'agenda degli impegni precampionato

August 27, 2019

1/1
Please reload

Post recenti