Campionati Regionali conclusi. Quali le proposte e strategie per l'avvenire?

Il comunicato ricevuto e pubblicato ieri sera, con il quale il presidente Petrucci ha gelato il sangue a tutti noi appassionati dichiarando conclusi i Campionati Regionali dal settore minibasket alle squadre senior passando per il settore giovanile, ha destato non poche e fondamentali domande.

Partiamo dal tempismo e cerchiamo di inquadrarne le tempistiche, un comunicato che toglie ogni speranza, un documento prodotto il 26 marzo dopo ventidue giorni di silenzio. Una delle ultime federazioni a fermarsi e una delle prime ad alzare bandiera bianca, in una situazione che cambia radicalmente giorno dopo giorno poteva essere preso qualche tempo in più, valutare anche regione per regione ma sopratutto comunicare contestualmente proposte e soluzioni per ripartire, quando sarà possibile con progettualità e regole certe. Stiamo parlando di senior regionali ( C Gold, C Silver, B femminile, D maschile, C Femminile, Promozione maschile e femminile e Divisioni) ma anche e sopratutto di giovanili ( provinciali, regionali femminili e maschili ed eccellenza-élite maschile e femminile), minibasket e non ci dimentichiamo che saranno proprio queste le categorie a subire le ripercussioni più grosse di questo periodo. E' stato fatto un unico calderone, quando ogni categoria ha le sue esigenze e si dovevano, a nostro avviso con un comunicato, dare anche soluzioni o proposte per dar modo a chi lavora con progettualità e professionalità di organizzarsi al meglio, invece ad oggi il nulla.

Per quanto riguarda il minibasket, le palestre si riapriranno quando apriranno le scuole, questo è scontato. Ma ci sono situazioni che dovevano, a nostro parere essere amministrate, ad esempio chi doveva organizzare concentramenti, interzone e finali nazionali doveva avere certezze.

Quali strategie sono state adottate? Nessuna.

Sta montando la richiesta di chi chiede di passare fin dalla stagione '20/'21 alle annate dispari. L'eterna diatriba tra annate pari e dispari, fermo restando che le annate per le Nazionali giovanili vengono definite dalla FIBA e non dalla Fip.

E' partita dalla regione Veneto un petizione che sta girando per le Regioni, in cui si propone il passaggio alle annate dispari eccellenza U.15-U.17 e U.19. Noi nel femminile l'eccellenza non c'è, ma i campionati Elite che determinano gli accessi alle interzone, concentramenti e finali nazionali, crediamo invece che concludere l'attività di formazione a 17 anni sia un errore viste le evidenze scientifiche.

A nostro avviso infatti si potrebbe tornare a considerare di rimanere ad annate pari istituendo U.20, questo evidenziando un problema che evidentemente chi vuole il ritorno ad annate dispari non si pone ed è in merito allo svincolo. Gli atlete/i si svincolano a 20 anni, chiudendo l’attività giovanile a 19 ci chiediamo (sopratutto al maschile, ma anche al femminile se si vuole allargare la base dei praticanti) come faranno le società a mantenere il vincolo su tutti gli atleti e le atlete che non giocheranno nelle categorie senior. Per portare lo svincolo a 19 anni è necessaria un’Assemblea Straordinaria, escludiamo che ne possa essere organizzata una appositamente, quindi bisogna aspettare la prossima Assemblea che eleggerà il nuovo Consiglio Federale. Quindi nelle DOA '20/'21 è da escludere si possano cambiare le categorie, a meno che, contestualmente, non si decida di mantenere il vincolo delle società anche sugli atlete ad atleti under 20 che non giocheranno senior nel prossimo campionato.

Una proposta di possibile mediazione, tenendo conto delle difficoltà economiche della prossima stagione e delle differenti realtà presenti nel territorio destinate a aumentare; potrebbe essere rappresentata da campionati regionali: under 13/14/16/18/20. Campionati di Eccellenza - Elite : under 16 (ammessi 4 under17) e 19 (ammessi 3 under 20). Con le difficoltà economiche del prossimo anno due categorie eccellenza maschili ed Elite Femminile saranno anche troppe ( pur l'Elite non avendo i costi delle Eccellenze maschili ma per numeri di atlete e per consentire alle 2000 di concludere il proprio percorso giovanile). In ogni caso dovranno essere strutturate, a nostro avviso, in modo che diminuiscano i costi, per le fasi successive.

Più difficile è per le categorie seniores che hanno investito su una stagione che è stata dichiarata conclusa ma, ad oggi non si sa il come.

Classifica congelata? Stagione Annullata? Promozioni e retrocessioni con quali criteri? Saranno a libera iscrizione? ed ancora sulla formazione gli atleti perderanno l’anno o sarà concesso a tutti? o solo a chi è andato a referto in n° partite?

Non è trapelato nulla in tal senso, ed ecco perché ad oggi, questa notizia emanata cosi è ancora un pugno sullo stomaco per tutti gli appassionati, siano essi, atlete, dirigenti, allenatori, tifosi una comunicazione che non lascia più nessuna speranza per la stagione e che erige mille domande e dubbi a cui non abbiamo risposte, sulle prossime stagioni.



scritto S.Z.




Post in evidenza
I post stanno per arrivare
Restate sintonizzati...
Post recenti
Archivio
Cerca per tag
Non ci sono ancora tag.
Seguici
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square

BasketRosa© 2023 Contact Us

This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now