Della Fiore Broni: Le biancoverdi si arrendono ad una Reyer in formato Eurolega


.

Niente da fare per la Della Fiore Broni sul campo dell'Umana Reyer Venezia, che dimostra tutta la sua forza. Al termine del terzo quarto l’incontro è oramai in archivio e Broni deve già pensare ai prossimi impegni, che saranno decisivi per le sorti del campionato. Coach Alessandro Fontana deve rinunciare ancora a Nina Premasunac (risentimento muscolare) che oramai non scende in campo da oltre un mese, l’ultima presenza della croata risale allo scorso 19 dicembre a San Martino di Lupari. La partenza di Broni è, come spesso accaduto, poco brillante, perchè le oltrepadane vanno sotto 4-0. Il canestro di Nared non smuove però la formazione ospite che subisce un altro mini break di 6-0 (10-2), costringendo coach Alessandro Fontana ad interrompere il gioco con un time out. Nel frattempo Giulia Moroni, con già due falli a carico, viene richiamata in panchina per lasciare spazio ad Anna Togliani in cabina di regia. Dopo la sospensione, la Della Fiore, finalmente, inizia a trovare maggior convinzione sotto canestro, riducendo il gap fino a meno 4 (12-8), ma purtroppo si distrae negli ultimi 36 secondi del primo periodo, consentendo alla Reyer di produrre un 4-0 con Macchi e Bestagno e di chiudere il quarto sul +9 (19-10). Nei secondi 10 minuti di gioco Broni prova a tenere botta alla formazione lagunare, tanto che al 15’ Orazzo, dopo che le neroverdi erano scivolate ancora a meno 9 (24-15), trova il canestro del meno 5 (30-25). Venezia mette in campo la sua esperienza, ricacciando indietro le bronesi che ad un secondo dalla sirena del primo tempo, con due liberi di Spreafico, limitano il divario a meno 7. In avvio di secondo tempo i canestri di Nared e Tikvic illudono la formazione oltrepadana, ma col passare dei minuti la squadra di coach Giampiero Ticchi fa valere la propria superiorità sotto canestro, chiude le maglie in difesa, costringendo Broni a prendersi qualche tiro forzato e così la partita, nel giro di qualche minuto, diventa in discesa per l’Umana che con un gioco da tre punti di Bestagno (canestro più tiro libero aggiuntivo) vola fino a +16 (57-41). Nel periodo conclusivo Venezia tocca anche il +24 (77-53). La partita non ha più storia e si chiude sul +23 per le veneziane. Adesso la pausa per le nazionali, impegnate nelle qualificazioni olimpiche: il campionato riprende giovedì 13 febbraio con il derby al PalaBrera contro Limonta Sport Costa Masnaga.

Post in evidenza
I post stanno per arrivare
Restate sintonizzati...
Post recenti
Archivio
Cerca per tag
Non ci sono ancora tag.
Seguici
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square

BasketRosa© 2023 Contact Us

This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now