Fase due del Governo, cosa cambia per lo sport

Ieri sera in conferenza stampa, il presidente del consiglio dei ministri Giuseppe Conte ha illustrato il nuovo decreto ministeriale, che entrerà in vigore dal 4 maggio prossimo, il quale contiene una serie di misure e norme anche per la ripartenza dello sport italiano.

All'articolo 1 "Misure urgenti di contenimento del contagio sull’intero territorio nazionale", alla lettera G, si legge tra le misure quanto segue:


g) sono sospesi gli eventi e le competizioni sportive di ogni ordine e disciplina, in luoghi pubblici o privati. Allo scopo di consentire la graduale ripresa delle attività sportive, nel rispetto di prioritarie esigenze di tutela della salute connesse al rischio di diffusione da COVID-19, le sessioni di allenamento degli atleti, professionisti e non professionisti – riconosciuti di interesse nazionale dal Comitato olimpico nazionale italiano (CONI), dal Comitato Italiano Paralimpico (CIP) e dalle rispettive federazioni, in vista della loro partecipazione ai giochi olimpici o a manifestazioni nazionali ed internazionali – sono consentite, nel rispetto delle norme di distanziamento sociale e senza alcun assembramento, a porte chiuse, per gli atleti di discipline sportive individuali. A tali fini, sono emanate, previa validazione del comitato tecnico-scientifico istituito presso il Dipartimento della Protezione Civile, apposite Linee-Guida, a cura dell’Ufficio per lo Sport della Presidenza del Consiglio dei Ministri, su proposta del CONI ovvero del CIP, sentita la Federazione Medico Sportiva Italiana, le Federazioni Sportive Nazionali, le Discipline Sportive Associate e gli Enti di Promozione Sportiva;


Quindi sulla base del DPCM per la fase due è prevista la ripartenza per atleti professionisti e non, riconosciuti da Coni e federazioni dal 4 maggio per gli sport individuali, mentre per gli sport di squadra c'è da attendere il 18 maggio.

Al momento non vi sono ancora espletate le Linee Guida sopracitate per sapere in che modo si potrà fare attività per gli sport di squadra, fermo restando di non confondere gli allenamenti da curare tra cui il miglioramento tecnico individuale, con gli sport individuali. Proprio perchè potrebbe trarre in inganno, ed è per questo bene sottolinearlo, essendo rivolto esplicitamente ad atleti professionisti e non di interesse Nazionale del Coni o Federazioni di appartenenza, la pallacanestro rientra negli sport di squadra e pertanto la data dalla quale si può, in attesa di capire come, tornare ad allenarsi sarà il 18 maggio 2020, sempre vi siano le condizioni medico sanitarie.


Qui l'intervento a chiarimento del ministro Vincenzo Spadafora di ieri sera a "Che tempo che fa"


Qui il presidente Associazione Nazionale Impianti Fitness&Sport Giampaolo Duregon intervistato da Teresa Ciliberto di ANSA.





Post in evidenza
I post stanno per arrivare
Restate sintonizzati...
Post recenti
Archivio
Cerca per tag
Non ci sono ancora tag.
Seguici
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square

BasketRosa© 2023 Contact Us

This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now