FLAVIA LOMBARDO SI RACCONTA.


"Finchè mi batte il cuore, finchè le gambe reggono": è il motto di Flavia Lombardo. "Sono parole che mi vengono in mente nei momenti bui, quando sono demoralizzata e quando penso di non farcela, e alla fine cerco sempre di dare il 100% in ogni cosa che faccio". Inizia così a parlarci di lei una cestista che possiede forza e grinta da vendere, ma anche classe e doti tecniche ed umane eccelse. Classe 2000: "Sono una playmaker e quest'anno gioco per l'Asd San Matteo. Pratico questo fantastico sport da quando avevo 4 anni; mia madre mi portava con lei agli allenamenti di minibasket ed è stata soprattutto lei (e mia sorella) a trasmettermi questa passione: tutte e 3 abbiamo sempre condiviso questo amore per la palla a spicchi, e penso non ci sia cosa migliore". "La pallacanestro - per me - è vita", prosegue la cestista, "è sempre stata il mio punto di riferimento..... il palazzetto è l'unico posto in cui riesco sempre a sentirmi me stesa, riesco ad esprimere ciò che sono senza aver bisogno di parlare". Entriamo più nel dettaglio: "Non è sempre stato facile il mio percorso, a partire dal fatto che ad Agrigento (la città in cui sono nata) non c'è mai stato un vivaio di basket femminile. Ero l'unica ragazza della mia squadra e, nonostante questo, sono sempre stata in grado di farmi rispettare dai ragazzi e mettermi al loro livello. Poi, ad un certo punto e per forza di cose, le strade si sono divise: a 14 anni ho avuto la possibilità di militare nella squadra dell'Azzurra Basket Orvieto e ho avuto l'onore di far parte del roster della serie A1. Questa esperienza mi è stata di grandissimo aiuto, non solo a livello cestistico, ma anche a livello personale: così piccola mi sono trovata in una realtà così grande, lontana da casa e da tutti i miei familiari.... in cui l'unica cosa certa era l'amore per questo sport, ed è stato questo che mi ha portato avanti. Dopo la stagione in Umbria, ho deciso di tornare nella mia Sicilia, dove ho disputato dei campionati giovanili con la Lazur Catania, il campionato senior di serie C con il Caltanissetta ed i play-off di serie B con la Rainbow Catania. Dico che non è mai stato un percorso semplice per il fatto che ho dovuto fare spesso delle scelte, insieme a tanti sacrifici per continuare a fare ciò che amo; spesso ho dovuto viaggiare per più di 6 ore al giorno solo per fare un allenamento, quando la cosa più semplice era mollare. Gli infortuni non hanno aiutato, quasi una volta l'anno mi sono slogata la caviglia e questo mi ha portato l'anno scorso a non disputare nessun campionato e a dedicarmi solamente allo studio. Nonostante le mille cadute ho sempre avuto il coraggio di rimettermi in gioco e quest'anno il mio obiettivo è ritornare più forte di prima". Che emozioni regala il basket? "Indescrivibili. Quando entro in campo tutta la tensione e l'ansia si trasformano in adrenalina pura, come se potessi superare tutti gli ostacoli che mi si pongono davanti". Significativo un pensiero: "Il basket mi ha insegnato e mi ha dato tanto come il sacrificarmi per le mie compagne di squadra, i valori di solidarietà, empatia e fair play". Pregi e difetti? "La grinta! Amo difendere in quanto non serve essere bravi, ma metterci il cuore. Purtroppo, a volte, perdo la lucidità e tendo - in queste circostanze - a strafare: sto cercando di migliorare in ciò". In conclusione, i progetti futuri di Flavia Lombardo: "Il mio più grande sogno è sempre stato di giocare nella mia città d'origine, ma per Agrigento questo è ancora molto lontano. Indubbiamente voglio concludere il mio percorso universitario in Fisioterapista e continuare a rendere la pallacanestro parte integrante della mia vita". Enrico Ferranti.

Post in evidenza
I post stanno per arrivare
Restate sintonizzati...
Post recenti
Archivio
Cerca per tag
Non ci sono ancora tag.
Seguici
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square

BasketRosa© 2023 Contact Us

This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now